Logo San Marino RTV

Sistema bancario, fondi pensioni, metodo del governo: le opposizioni all'attacco

28 apr 2017
Le opposizioni all'attaccoSistema bancario, fondi pensioni, metodo del governo: le opposizioni all'attacco
Sistema bancario, fondi pensioni, metodo del governo: le opposizioni all'attacco - Dura presa di posizione di Rete e Mdsi sulle banche, cui si associano anche Pdcs e Partito Socialist...
“Il governo fa retromarcia sul nominativo di opposizione in Carisp: evidentemente la partita degli NPL in Cassa è troppo grossa per permettere di avere qualcuno che possa controllare l’operato del nuovo CdA”. Partono da qui Rete ed MDSI che dalla vicenda Carisp allargano al sistema bancario: “Cassa in attesa della prognosi, Asset in rianimazione – proseguono – Perché Banca Centrale l'ha commissariata? Chi pagherà per le conseguenze sul sistema?” chiedono, ricordando che la procedura di commissariamento dovrebbe andare a tutela dei risparmiatori, dei posti di lavoro, a salvaguardia della banca, mentre il commissariamento di Asset va avanti – scrivono Rete-Mdsi – e la banca è stata svuotata dai correntisti”. Ricordano l'interpellanza inoltrata proprio sulla fuoriuscita di liquidità – senza risposta – non senza un richiamo agli interrogativi aperti sui fondi pensione dentro Asset.
Sistema bancario e regole democratiche, interviene la direzione del Pdcs: “Per riportare il Paese in sicurezza non si può prescindere dal ripristino del rispetto delle regole democratiche, con il Consiglio al centro delle scelte, considerando il peso delle Minoranze”, imputando a Governo e Maggioranza la responsabilità di una deriva nell’esercizio di una reale democrazia”. Su Asset: “Non rassicurano le affermazioni del Governo sulle garanzie dello Stato, considerando che le cause che hanno generato questa situazione sono da ricondursi proprio alle scelte del Governo e di Banca Centrale”. Ribadisce, poi, l'opera di rinnovamento dell’azione politica, confermando la decisione di portare fino in fondo il percorso di chiarezza intrapreso, anche con la scelta di costituirsi parte civile nel processo Mazzini.
Sistema bancario anche nel mirino del Partito Socialista: “Il governo dichiara che tutelerà tutti i risparmiatori, ma non dice come reperirà le risorse economiche, visto che entro giugno anticipava un possibile shock di liquidità”. I soldi sono realmente finiti? - si chiede il PS, preoccupato perché “nonostante il governo abbia ben predicato sui crediti d'imposta concessi alle banche, finisce col chiedere ai cittadini di pagare per questioni private che – conclude – banca centrale dovrebbe spiegare pubblicamente”

AS