Logo San Marino RTV

Ssd: aggregazione con le altre forze di Libera al centro del consiglio direttivo

Durante la riunione Segretario e Presidente hanno rassegnato le dimissioni in attesa dell'assemblea congressuale

di Mauro Torresi
23 gen 2020
Ssd: aggregazione con le altre forze di Libera al centro del consiglio direttivo
Ssd: aggregazione con le altre forze di Libera al centro del consiglio direttivo

Sarà la base del partito ad esprimersi su quello che viene definito il “rilancio” dell'azione politica di Ssd. Al centro dell'ultimo Consiglio direttivo è tornata l'idea di aggregare l'area riformista sammarinese. Passaggio che potrebbe tradursi, in concreto, nella creazione di un nuovo soggetto politico insieme alle forze che compongono Libera. Un periodo di cambiamenti, dunque, segnato dalle dimissioni, sempre ieri, del segretario del partito, Alessandro Bevitori, e del presidente Michele Muratori.

La “nuova fase”, hanno spiegato, deve essere “definita e legittimata” dall'assemblea congressuale a cui è “affidato il potere di decidere la linea politica”. Tra i prossimi passi: la nomina di un gruppo di coordinamento con le componenti di Libera che affianchi il gruppo consiliare per discutere di progetti e di questioni organizzative e operative. Le cariche di Ssd saranno prorogate fino all'assemblea che ancora non è stata fissata e c'è chi invita alla riflessione prima di una fusione. Come Area democratica, corrente interna al partito, che dice di non porre alcun veto ma chiede di ragionare sulla questione e di avere un'identità “più a sinistra”.

Dall'alleato Civico 10 l'idea di un nuovo partito o movimento è definita “prematura”, ma i presupposti sono “positivi”. Durante il direttivo di Ssd anche una riflessione sul risultato elettorale. L'indicazione di un Paese unito per affrontare le sfide, è stato detto, “non è stata capita fino in fondo”. Da qui l'impegno di garantire una condivisione e, allo stesso tempo, di “incalzare la nuova maggioranza”.