Logo San Marino RTV

SSD invita alla "Festa della Libertà" fiera dei suoi ideali

25 lug 2018
manifesto festa ssdSsd presenta la festa del 28 luglio
Ssd presenta la festa del 28 luglio - Lazzarini: "non abbiamo bisogno di un nemico per sentirci giustificati" Sentiamo nel servizio Giusep...
Un bambino che spicca il volo rispecchia l'immagine di SSD, “partito giovane – dice Marina Lazzarini - con le braccia spalancate sul paese”. La sua data di riferimento è il 28 luglio, festa che richiama a grandi ideali, motore del suo fare politica. “In nome di quegli ideali – ricorda Enzo Colombini c'è chi ha sacrificato la vita. Oggi appare un paradosso”. La Lazzarini lancia una frecciatina a quelle forze politiche che cercano il nemico per avere un ruolo. “Non ne abbiamo bisogno – dice - per sentirci giustificati”.

SSD dà quindi appuntamento al parco Ausa. Venerdì sarà dedicato ai giovani con il concerto gratuito dei Punkreas. “Gruppo sulla scena da 20 anni – spiega Tony Margiotta - con ideali di sinistra che tornano nei testi”. Il 28 sarà nel solco della tradizione, con il liscio della Patrizia Ceccarelli Band. E' stata organizzata anche una lotteria che avrà, fra i premi, una bicicletta con pedalata assistita. Non è un caso, si vuole incentivare la mobilità sostenibile. “Il parcheggio 7 sarà per le bici con colonnina di ricarica per quelle elettriche – dice Marina Lazzarini. Una parte del PRG è dedicata proprio al cicloturismo”.
Momento clou sarà il dibattito. L'attenzione sarà rivolta al dopo crisi.

Una cosa è certa – dice Giuseppe Morgantila San Marino di domani sarà costruita da chi ha a cuore scienza e cultura. Due elementi strategici che non vanno distinti ma devono entrare entrambi nelle stesse persone. Una nuova impronta che la nostra università sta assumendo prima di tutte le altre”. San Marino Innovation, Agenzia Sviluppo e Università insieme per un futuro 4.0.

Parteciperanno i Segretari Renzi, Zafferani e Zanotti.
L'anno scorso SSD aveva sdoganato il tema delle unioni civili dando il via al dibattito nel paese. A quando la legge? “Si tratta di mettere a punto le ultime differenze. Quando si fa una legge c'è chi è d'accordo e chi deve essere convinto. Attraverso questo lavoro di mediazione sociale e politica si può arrivare a dei risultati. Noi ci siamo vicinissimi”.

Sentiamo il capogruppo Giuseppe Maria Morganti,
MF