Logo San Marino RTV

Le Telecomunicazioni arrivano in Consiglio. Quanto costano e dove sorgeranno le antenne

18 feb 2017
San MarinoLe Telecomunicazioni arrivano in Consiglio. Quanto costano e dove sorgeranno le antenne
Le Telecomunicazioni arrivano in Consiglio. Quanto costano e dove sorgeranno le antenne - il Governo ha tra le mani progetti già deliberati dal precedente Esecutivo e che prevedono la realiz...
E' uno di quegli argomenti che fanno immediatamente drizzare le antenne, è proprio il caso di dirlo. Al di là del gioco di parole, una cosa è ormai certa: se le telecomunicazioni non funzionano il paese non è attrattivo. Ma perché i telefonini non prendono? A che punto è la fibra e come verrà gestita la rete? Si attende il dibattito in Consiglio, la maggioranza farà il punto sullo stato dell'arte e sta lavorando ad un ventaglio di ipotesi per la gestione strutturale delle telecomunicazioni sia mobile che internet. “In entrambi i casi ci sono soluzioni diverse che possono essere adottate – ha dichiarato il Segretario Zafferani durante il programma Palazzo Pubblico – e in Aula verrà valutato l'impatto in base a costi e ricavi”. Quello che si sa è che il Governo ha tra le mani progetti già deliberati dal precedente Esecutivo e che prevedono la realizzazione di siti aggiuntivi ai sette già presenti in territorio. “Sono state già avviate le procedure per l'installazione”. Si tratta di due lotti di quattro antenne ciascuno.
"Più antenne – ha ricordato Zafferani - coprono meglio il territorio e riducono le emissioni. I telefonini fanno meno fatica a ricevere il segnale riducendo l'inquinamento elettromagnetico”. I primi quattro pali su cui verrà inserita l'antenna saranno installati a Rovereta, Fiorina, Montegiardino e Gualdicciolo. Gli altri quattro sorgeranno a Borgo, Domagnano, Murata e Città. L'altezza va da 30 metri a 40 a seconda della zona. Non dovrà solo essere garantita la copertura ma anche il rispetto dei parametri di legge dell'impatto elettromagnetico. Ogni antenna ospiterà tre operatori ciascuna, più apparati per l'amministrazione, come ad esempio il monitoraggio ambientale e l'Azienda dei Servizi. Le procedure d'appalto dureranno tre mesi, poi serviranno 100 giorni per realizzare i siti. A quel punto gli operatori potranno installare i propri sistemi radioelettrici. L'investimento iniziale - circa 100.000 euro lordi a sito - è dello Stato che rientrerà delle spese facendosi pagare successivamente i diritti. Al momento sono disponibili metà dei fondi necessari. Se non ci saranno intoppi in autunno dovremmo “sentire” la differenza.

Monica Fabbri