Logo San Marino RTV

A piedi nudi nel parco

Primo percorso al mondo per il barefooting

di Lia Fiorio
11 set 2019
A piedi nudi nel parco

Camminare a piedi nudi, cioè fare barefooting, ormai è risaputo, offre diversi vantaggi al nostro fisico e anche alla nostra mente: aiuta la postura, migliora la circolazione sanguigna e ci permette di scaricare le tensioni nervose (tanto per citare i più comuni). Se a questo aggiungiamo la carica che può donarci una passeggiata nel bosco a contatto con gli alberi, l’erba e l’aria pulita, capiamo quanto rigenerante possa essere intraprendere un percorso del genere.

Ora tutto questo è possibile grazie al Percorso a piedi nudi nato nel bosco in località Coler, in Val di Rabbi (parco dello Stelvio). Si tratta di un sentiero di circa 500 metri in cui si incontrano diversi tipi di terreni ed elementi naturali su cui camminare: terra, erba, pietre levigate, muschio, pigne secche, tronchi d’albero e acqua gelata (ci si immerge in un ruscello).


Un modo originale ed efficace per godere appieno della natura e di tutti i benefici che ci offre il contatto con la terra. Lo stimolo che offrono al nostro corpo tutti questi diversi elementi è notevole: si va dal miglioramento della circolazione al rafforzamento di piedi e caviglie, dall’aiuto nel mantenere una postura corretta, all’alleviamento dei dolori di schiena. Si lavora poi sull’equilibrio, sulla respirazione corretta, si riduce lo stress aumentando il livello dell’energia, si stimolano tutti i sensi e si prova una piacevole sensazione di libertà fisica e mentale.

Si consiglia di effettuare il percorso con un andatura lenta e ben lavorando con la pianta dei piedi sui diversi elementi che si incontrano durante la camminata. Si tratta di un percorso semplice della durata di 30 minuti che può essere sperimentato da grandi e piccini e, se piace, nessuno vieta di fare più giri.