Logo San Marino RTV

"Ciaone" entra ufficialmente nel vocabolario

Tutte le nuove parole "italiane"

di Catia Demonte
19 set 2019
"Ciaone" entra ufficialmente nel vocabolario

Mentre il mondo cambia, lo fa anche il linguaggio, così d'ora in poi sfogliando il vocabolario, troveremo anche "ciaone". In realtà sono 1500 i neologismi che sono stati inseriti nell'ultima edizione del Devoto-Oli, il noto vocabolario di Le Monnier che è stato presentato in questi giorni a Milano.

Nella versione cartacea sono contenute oltre 70 mila voci e 250 mila definizioni, tra le quali i neologismi “brexit”, derivato dalla situazione della Gran Bretagna, “fake news”, ormai diventato un termine di attualità, “webete“, ideato dal giornalista Enrico Mentana, e “ciaone”.

Molte sono già talmente note e usate che sembra strano non siano già nel dizionario: ci sono revenge porn o porno vendetta, contro cui è arrivata anche la legge del Codice Rosso, terrapiattismo e terrapiattista, la negazione della sfericità della Terra. Ci sono i diritti mancati delle donne con il divario salariare, il pay gap.

Ci sono i termini che riguardano musica e tv: dal binge watching, guardare una serie dall’inizio alla fine, ai nuovi idoli dei giovanissimi, i trapper. Non mancano vocaboli legati al mondo dell'ecologia per cui i ragazzi scendono in piazza ogni venerdì sulle orme di Greta Thunberg: carbon free e guerrilla gardening, climate change ed ecotassa.