Logo San Marino RTV

L’attività fisica negli uomini over 60 ‘allena’ anche il cervello

#lodocelascienza

di Stefano Coveri
17 giu 2019
L’attività fisica negli uomini over 60 ‘allena’ anche il cervello

Che l'attività fisica faccia bene lo sappiamo tutti...ma dopo gli "anta", agli uomini fa benissimo:  mette il turbo al cervello degli uomini che vedono migliorare le loro funzioni cognitive in misura maggiore rispetto a quanto accade nelle donne. Questo studio ha confermato che negli uomini si è visto in particolare un miglioramento della loro capacità di concentrazione, di attenzione e anche di gestione del tempo. 

Lo sport ha un ruolo fondamentale nelle varie fasi evolutive della persona, man mano che la persona cresce, i benefici dello sport non sono solo osseo-articolari ma anche sistemici: lo sport aumenta le endorfine, accresce lo stato di benessere e migliora tutti gli altri apparati. Nella tarda età diventa fondamentale perché lo scheletro, e ovviamente l’osteoporosi, sono direttamente correlate ad un’attività più o meno intensa. Quindi l'attività fisica migliora tono ed elasticità muscolare oltre a prevenire e ridurre il rischio di fratture per una caduta, si può ridurre il rischio e rallentare l’evoluzione di patologie degenerative quali l’artrosi.

Le attività fisiche più indicate per gli over 60: sono indicati la ginnastica a corpo libero, le camminate lunghe, il Tai Chi e il Pilates, lo yoga; insomma, tutto ciò che mantiene il coordinamento e il movimento armonico che sollecita lo scheletro e la muscolatura per prevenire osteoporosi e sarcopenia”. Attività sportive a basso impatto migliorano, di fatto, la tonicità e l’elasticità muscolare degli " anta ", con conseguente miglioramento delle performance funzionali e importanti ricadute sulla qualità della vita, oltre ad un impatto psicologico e sociale altamente positivo”.

Anche perchè oggi i 60enni, sono dei veri "ragazzacci".