Logo San Marino RTV

La temperatura del corpo umano sta scendendo

Il classico valore di 37° non è più reale

di Stefano Coveri
14 gen 2020
La temperatura del corpo umano sta scendendo

Pensando alla temperatura media del nostro corpo, tutti noi saremmo portati a dire 37°.  Beh! Sembrerebbe non essere proprio così.

Un recente studio, afferma che la temperatura del corpo umano si sia in realtà abbassata già da tempo ed il calcolo effettuato nel lontano 1851, dal medico tedesco Carl Reinhold August Wunderlich, che si era basato su una serie di misurazioni soprattutto a soldati, sia sbagliato. Secondo le valutazioni dei ricercatori la temperatura corporea media della popolazione sarebbe diminuita di 0,03°C ogni decennio, col risultato che dall'ultimo calcolo a oggi si è passati da 37°C a 36,6°C. E il trend discendente non si starebbe fermando.

Gli studiosi americani che hanno effettuato la ricerca, sono arrivati a questa conclusione, sostenendo che, da allora, microbiologicamente, siamo molto diversi da come eravamo”. Grazie ai progressi della scienza medica (vaccini e antibiotici) e al miglioramento dello stile di vita, il nostro sistema immunitario sarebbe meno attivo e si verificherebbero meno processi infiammatori dei tessuti.

I ricercatori hanno analizzato tre distinti set di dati sulla temperatura corporea, uno ricavato da veterani dell'esercito con misure prese negli anni tra il 1862 e il 1930, uno risalente agli anni '70 e uno più recente, tra il 2007 e il 2017, per un totale di quasi 700mila misure. Gli uomini del 2000, è risultato dall'elaborazione, sono 0,59 gradi centigradi più freddi rispetto a quelli nati nel 1800, mentre le donne hanno 'perso' 0,32 gradi. Le differenze sono state calcolate tenendo conto della migliore strumentazione disponibile ora. "Fisiologicamente siamo differenti da come eravamo nel passato - affermano gli autori -, l'ambiente in cui viviamo è cambiato, compresa la temperatura delle nostre case, i microrganismi con cui entriamo in contatto e il cibo che mangiamo", oltre a quanto detto anche prima.

Si tratta, è bene sottolinearlo ,di una teoria che potrebbe essere soggetta a diverse critiche, soprattutto perché gli autori ammettono di non sapere in che modo siano state fatte le misurazioni (con quali strumenti e se fossero orali o ascellari)....

Ma al di là di questo, ecco allora "giustificato" lo stato in cui viene a trovarsi un uomo febbricitante con la "tremenda " temperatura di 37,2....quasi da chiamare ...il prete...

Pace e buona vita a tutti