Logo San Marino RTV

Lo Status Symbol da polso

Rolex, misuratori del tempo, come è nata la leggenda

di Mirco Zani
16 mar 2020
Lo Status Symbol da polso

Rolex da sempre è il nome dell'alta orologeria elvetica per tutti gli amanti dei "misuratori di tempo da polso" e per il mondo intero, ma come è nato il nome che oggi è sinonimo di prestigio?  Partiamo dal principio e più precisamente da  Hans Wilsdorf un orologiaio e imprenditore tedesco, nel 1905 viveva a Londra e aveva avviato una sua attività, con il proposito di fornire segnatempo di qualità ad un prezzo abbordabile, chiamata "Wilsdorf & Davis", e lavorò in coppia con Hermann Aegler, un artigiano di Bienne da cui importava orologi da polso.

 Fin dall’inizio Wilsdorf sapeva che il successo della sua neonata società era legato al nome che gli doveva trovare, un nome semplice, facile da ricordare e da pronunciare in quante più lingue possibile. La prima soluzione e forse in apparenza la più ovvia fu quella di dare all’azienda il proprio cognome, ma per lui troppo scontata e per questo mai presa nemmeno in considerazione. Il nome doveva essere allo stesso tempo di facile ricordo e composto da lettere della stessa dimensione in modo da poter essere scritto simmetricamente, insomma armonioso e scritto su ogni quadrante e movimento, un’idea all’epoca ancora insolita. Dirà lui stesso tempo dopo, “Ho provato a combinare tutte le lettere dell'alfabeto in ogni modo possibile, avevo così a disposizione qualche centinaio di nomi, ma nessuno mi convinceva”.Siamo nel 1908, sembra una mattina come le altre nella via Cheapside nella City di Londra e Wilsdorf la sta percorrendo al piano superiore di un omnibus trainato da cavalli, quando all'improvviso un lampo di genio gli ha illuminato la mente con un nome: “Rolex”.

E Rolex sarà anche il primo della storia degli orologi a vedere scritto il suo nome sui quadranti degli stessi. Durante la prima guerra mondiale lasciò l'Inghilterra per trasferirsi in Svizzera a causa dell'aumento della tassazione sulle importazioni di lusso dovuto alla guerra. Nel 1920 fondò la Montres Rolex S.A. a Bienne.  Così ha avuto origine il nome del marchio di orologi divenuto universalmente sinonimo di eleganza e qualità tecnica. Per la cronaca nel 1926 fondò anche una marca di orologi di alta qualità ma a prezzi inferiori, la Tudor, filiale della Rolex.

Dopo la morte di sua moglie, nel 1944, fondò la "Hans Wildorf Foundation" in cui riversò tutte le sue azioni della Rolex, assicurandosi che una parte dei guadagni andasse in opere di carità. La compagnia è rimasta una fondazione fino ai giorni nostri.