Logo San Marino RTV

Mi chiamo Francesco Totti

Il film che racconta la storia dell'ex capitano della Roma

di Mirco Zani
14 ott 2020
Mi chiamo Francesco Totti

Il calcio ha tra i suoi poteri quello di scatenare emozioni forti, arrivano dritte al cuore e difficilmente si fanno scordare indipendentemente dall'età che si ha. Il capitano della squadra del cuore ha sempre un posto di rilievo nei sentimenti del tifoso, è il condottiero senza macchia, per i suoi piedi passa sempre la palla della vittoria, ma soprattutto è l'unico che non tradirà mai quei colori neanche di fronte ad un' offerta di denaro sfacciatamente allettante. Purtroppo però è una figura che sta scomparendo, salvo poche, sempre più rare eccezioni. Una di queste eccezioni, si chiama Francesco Totti. Nasce a Roma in un settembre del 1976, cresciuto calcisticamente nella A.S.Roma, sua squadra del cuore, realizzando  250 reti in Serie A, e diventando il giocatore che ha segnato più gol con la stessa squadra nel massimo campionato italiano. Ha vestito un altra maglia oltre a quella "giallo rossa" ed è quella "azzurra" della Nazionale Italiana di calcio diventando campione del mondo nel 2006.



Sposato con Ilary Blasi papà di Chanel, Cristian e Isabel, lascia il mondo del calcio, "per raggiunti limiti d'età" alla fine del campionato 2016/2017 sempre indossando la maglia numero 10 della sua Roma. Sembra una favola, una bella favola, che ora è diventata un film, o meglio un Docufilm in uscita al cinema. Soggetto e sceneggiatura di Alex Infascelli, che è anche il regista, "Mi chiamo Francesco Totti" è basato sulla biografia dal titolo «Un Capitano» scritto dallo stesso Francesco Totti con Paolo Condò e edito da Rizzoli. Racconta la storia dell’ex capitano della Roma Il docufilm sull’ex numero dieci della Roma, partendo dalla notte che precede la sua ultima partita. Totti , felpa nera col cappuccio tirato sulla testa , si guarda intorno nello stadio Olimpico ormai vuoto e buio, lo sguardo dritto al campo di calcio. «Nun ce credo che finisco... 25 anni della mia vita ho passato qui dentro». Poi un appello alla moviola: «Manna un po’ indietro..» ed ecco che la sua vita si riavvolge come il nastro di una partita e lui la rivede passare come venisse proiettata su uno schermo insieme agli spettatori. Un brevissimo assaggio nel quale le immagini e le emozioni scorrono tra momenti chiave della sua carriera, scene di vita personale, dal matrimonio alla nascita dei figli, e ricordi inediti. Un racconto intimo, in prima persona, dello sportivo e dell’uomo. Toccante, se non fosse per la battuta finale del Totti di oggi, stretto nella sua felpa nera:

«Sto tempo è passato... Anche per voi però».