Logo San Marino RTV

Caldo torrido: come aiutare gli animali

5 ago 2019
Caldo torrido: come aiutare gli animali

Il caldo torrido è arrivato e se in qualche modo noi umani ci sappiamo proteggere dalle temperature estreme, non sempre gli animali riescono a farlo, soprattutto quelli che dipendono dalle nostre cure, ovvero gli animali di affezione, da cortile e da reddito. I cani in particolare se lasciati in luoghi molto caldi o esposti al sole, possono andare incontro a colpi di calore con conseguenze gravi e irreversibili. Gli abitacoli delle auto in estate sono luoghi davvero pericolosi per gli animali, per l’effetto serra che vi si produce e ciò anche se l’auto viene posta all’ombra e coi finestrini un po’ abbassati. Evitare quindi di lasciare il cane in macchina quando le temperatura esterna è elevata, perché i materiali dell’auto (metallo e vetri ) potenziano il calore e bastano pochi minuti per causare un aumento di temperatura dell’animale fino al colpo di calore con esito quasi sempre letale. Anche il balcone non è una sistemazione adeguata per il cane, soprattutto se non ha possibilità di accedere all’interno dell’abitazione per trovare refrigerio. I cani che vivono in casa, beneficiano in genere di tutte le attenzioni necessarie, tanti altri invece, forse la maggioranza, si pensi ai cani da caccia, vivono all’esterno, più spesso in zone distanti da casa, alloggiati in recinti angusti, senza protezione dalle intemperie e dal sole. Cosa fare in tali casi per proteggere i propri cani dagli eccessi climatici? Di seguito alcune norme indispensabili: - collocare la cuccia possibilmente in legno e sollevata dal suolo in un luogo riparato dalle intemperie e dal sole; - fornire ogni giorno al cane cibo fresco e acqua pulita, in estate dovrà essere rimboccata più spesso; - proteggere il recinto con ombreggianti; - pulire lo spazio almeno una volta al giorno, se possibile rinfrescandolo con l’acqua, approfittando di far uscire il cane per una corsa o una passeggiata la guinzaglio. Molti piccoli animali da cortile vengono allevati in pollai improvvisati, realizzati in lamiera, con tettoie di plastica. Questi alloggi sono veri e propri forni per polli, conigli e piccioni, soprattutto se non consentono loro di poter uscire all’esterno. Anche gli animali da cortile, per quanto allevati per l’alimentazione, hanno diritto a una vita di benessere, che non sia quindi una tortura dall’inizio alla fine. I cavalli nelle ore più calde devono poter beneficiare di zone alberate o di ombreggianti e di abbondante acqua fresca. Aiutiamo gli uccelli lasciando sui balconi o in giardino ciotole d’acqua per dissetarsi e fare il bagno e, se disponiamo di un terreno potremo collocarvi contenitori d’acqua fresca per la fauna selvatica.


I più letti della settimana: A.P.A.S.