Logo San Marino RTV

Basket. Lega 2. Arbitri ed errori condannano i Crabs

10 gen 2011
Crabs Rimini il diavolo. Snaidero Udine tutti angeli. E’ il giudizio degli arbitri, il trio Materdomini, Di Toro, Baldini, non il nostro. Un giudizio determinato dai numeri. 42 i tiri liberi concessi agli ospiti; appena 17 quelli dati ai riminesi. Incredibile. Guardando negli archivi e’ quasi impossibile trovare una situazione simile. Se a questo si aggiunge poi quanto fatto dai giocatori romagnoli negli ultimi 30 secondi, il patatrac casalingo ha una sua logica. Arbitri e regali a parte, alla Snaidero e’ stato necessario un tempo supplementare per battere un’Immobiliare Spiga, protagonista di un terzo quarto semplicemente strepitoso. Da meno 6 all’ intervallo lungo, i riminesi vanno a +9 con un break di 16-0 ed un Rodderick incontenibile. Il copione esaltava i tifosi riminesi ma evidentemente non era molto gradito agli arbitri. In 4 minuti la triade che a Rimini sperano di non vedere più, concedono 14 tiri dalla lunetta ai friulani; nessuno ai riminesi. I Crabs, nel finale, fanno il resto, regalando agli avversari il tiro da tre del pareggio e un tentativo di Rodderick sballato. Nel supplementare, i direttori di gara hanno fatto il resto concedendo ancora tiri liberi in abbondanza alla Snaidero. Morale della favola, Spiga sconfitta e frustrata. Snaidero ancora seconda, diretta inseguitrice della capolista Venezia. Ora, a Rimini, attendono di conoscere il sostituto di Scarone, ieri decisivo col Piacenza, per continuare ad occupare un posto nei play off.

Piero Arcide