Logo San Marino RTV

Basket: Milano comanda la serie Scudetto

4 giu 2016
Jamel McLeanBasket: Milano comanda la serie Scudetto
Basket: Milano comanda la serie Scudetto - Il primo atto va in archivio sull'87-80. Milano in controllo dopo un primo quarto equilibrato: un Ka...
L'Olimpia Milano parte col piede giusto nella serie che assegna il Tricolore, quello che potrebbe essere il 27° titolo per le Scarpette Rosse. L'approccio migliore è però reggiano: Aradori, Polonara e Lavrinovic conducono il 6-0 d'apertura, il successivo parziale di 10-3 chiuso dalla bomba di Lafayette rimette però tutto in equilibrio e così si prosegue con punteggio elastico tra allunghi di Kaukenas e canestri di Gentile fino al 21-20 che premia gli ospiti con la tripla a segno di Derek Needham.
Peccato però che quelli di Menetti regalino – di fatto – i primi cinque minuti del secondo quarto: 17-0 il parziale in apertura, che inaugura Jamel McLean e chiude Macvan, per il 37-21 che sposta in maniera irrimediabile gli equilibri in campo.
Avrà bisogno di altri otto minuti solo per tornare sotto alla doppia cifra di ritardo, la Grissin Bon: 52-44 sulla tripla dell'eterno Rimantas Kaukenas, che chiuderà con 27 punti e 5/7 dall'arco, diventando il terzo miglior marcatore di sempre in gare di finale, scalzando Pedrag Danilovic e portandosi a 39 punti da Roberto Premier, prossimo obiettivo messo nel mirino.
Il lituano riporta i suoi a due possessi di distanza a metà terzo quarto, quando sul 55-49 Jasmin Repesa decide di suturare l'emorragia con un time-out provvidenziale. McLean infiamma il Mediolanum Forum con la schiacciata che riporta i suoi sul +11, ricacciando indietro una Pallacanestro Reggiana che scivola anche fino al -17. Con un finale orgoglioso e un'Olimpia con la testa già a gara2, De Nicolao e Della Valle riportano gli ospiti a 2 possessi di ritardo, sull'83-78.
Il gioco di liberi con una manciata di secondi sul cronometro premia le Scarpette Rosse, impeccabili in lunetta e con gara1 in cassaforte. Domani ancora al Mediolanum Forum, domani ancora in campo per lo spettacolo della finale Scudetto: il primo atto va in archivio sull'87-80.

LP