Logo San Marino RTV

EuroBasket Piccoli Stati, Norvegia impietosa: San Marino ko 88-48

27 giu 2018
EuroBasket Piccoli Stati, Norvegia impietosa: San Marino ko 88-48EuroBasket Piccoli Stati, Norvegia impietosa: San Marino ko 88-48
EuroBasket Piccoli Stati, Norvegia impietosa: San Marino ko 88-48 - I biancazzurri restano in partita per un quarto, poi gli scandinavi allungano e vincono di 40.
Giochi di luce con effetto Guerre Stellari, sfilata delle sette squadre partecipanti e immancabile inno nazionale di San Marino. Si aprono così gli Europei di basket dei Piccoli Stati 2018, di scena al Multieventi. Gibilterra, Irlanda, San Marino, Norvegia, Andorra, Malta e Moldova si presentano ai tifosi, alle autorità sportive – il presidente della federbasket biancazzurra Damiano Battistini – e a quelle politiche. A dare il via ci sono i Capitani Reggenti Stefano Palmieri e Matteo Ciacci e il Segretario di Stato per lo Sport Marco Podeschi, poi cominciano le gare.

Partiamo dall'ultima, che vede San Marino affrontare quello che forse è l'avversario più difficile del lotto, la Norvegia. Che da buona nordica qual è ci mette un po' a scaldarsi, ma quando lo fa dilaga e stravince 88-48. Brillando sia nel collettivo – 11 uomini su 12 a segno che a livello individuale: Mjoes spicca con 21 punti, ma ci sono anche i 13 di Ndiaye e le ottime prove di Frey e Jawara. Per San Marino – che non recupera Micevic – si salvano i soliti Raschi – 11 punti – Biordi – 13+7 rimbalzi – e Botteghi.

E dopo il 5-0 di Mjoes a tenere a galla i biancazzurri sono proprio Biordi – che rompe il ghiaccio – e Raschi, che mette la freccia con la tripla dell'8-5. Botteghi e Macina si uniscono alla festa ed ecco il massimo vantaggio sammarinese, un +4 dalla vita breve. Pur contando quasi sul solo Mjoes, gli scandinavi chiudono il primo quarto avanti di 3, poi si svegliano anche gli altri e la partita finisce. I cambi di Padovano disegnano una squadra giovane che non riesce a tener testa agli avversari, che si sdoganano nel tiro da tre e in difesa sono estremamente aggressivi. Lo strappo di fine secondo quarto fa si che all'intervallone la forbice si sia allargata a 14, mentre i 31 punti segnati nel terzo quarto – contro i 15 di San Marino - sotterrano ogni velleità di rimonta. Nello stesso girone Gibliterra batte Moldova 102-96 dopo i supplementari, nell'altro Malta supera 96-64 Andorra.

RM