Logo San Marino RTV

Eurolega, ai quarti sarà Olympiacos-Efes e Panathinaikos-Fenerbahce

7 apr 2017
Eurolega, ai quarti sarà Olympiacos-Efes e Panathinaikos-Fenerbahce
La prima parte del 30° turno di Eurolega ha ufficializzato due accoppiamenti dei quarti di finale, che si giocheranno al meglio delle cinque partite. Entrambi i verdetti ballano sull'asse Grecia-Turchia: Olympiacos-Efes metterà di fronte la terza e la sesta, mentre Panathinaikos-Fenerbahce sarà quarta contro quinta.

I verdi di Atene si assicurano il fattore campo nei quarti espugnando 81-61 il parquet del Maccabi Tel Aviv. Il tutto nonostante un primo tempo dominato dagli israeliani, desiderosi di chiudere con onore una campagna europea di basso profilo. Al 42-32 del 20° il Pana risponde col 12-31 della terza frazione, va all'ultimo riposo avanti di 9 e al rientro continua a picchiare, mettendo al sicuro la vittoria. Decisivi i partitoni di Singleton, 13 punti, 8 rimbalzi e ben 6 stoppate, e di James, che ne fa 17 con 7 assist e 5 carambole.

Anche perché nel frattempo il Fenerbahce aveva preparato l'aggancio superando 68-65 Barcellona. Grazie al supplementare però, perché i già eliminati blaugrana tengono botta coi 15 di Claver e i 19 di Rice, su una cui penetrazione un immenso Udoh da 15 rimbalzi piazza una delle sue 4 stoppate, impedendogli di firmare il +5. I turchi la impattano, Tomic prova a ricacciarli indietro ma a 6” dalla sirena Bogdanovic sigla il pari di cattiveria, con un tiro sul quale la smanacciata dello stesso Tomic arriva troppo tardi per evitare il canestro tecnico. Bogdanovic ancora protagonista nel supplementare, dove 7 dei suoi 15 totali permettono al Fener di strappare definitivamente.

Ora resta da capire chi saranno gli avversari di Real Madrid e CSKA Mosca. Una sarà la vincente di Darussafaka-Stella Rossa di stasera, l'altra Baskonia
. Cui non bastano i 20 di Larkin per superare lo Zalgiris: finisce 79-84, decisiva la coppia Pangos-Westermann. 79-84 anche nell'ininfluente Bamberg-Galatasaray: 17 punti di Melli, tra i turchi il trio Guler-Schilb-Daye ne fa 48.

RM