Logo San Marino RTV

F1: le dichiarazioni di Bernie Ecclestone infiammano il clima

3 nov 2010
F1: le dichiarazioni di Bernie Ecclestone infiammano il climaF1: le dichiarazioni di Bernie Ecclestone infiammano il clima
F1: le dichiarazioni di Bernie Ecclestone infiammano il clima
Gran Premio del Brasile sotto la pioggia? Non è da escludere. Evidentemente al finale thrilling del campionato, il tempo vuole aggiungere altre incertezze. In Corea, oltre alla classe di Alonso, è stata infatti l'acqua a ribaltare i valori in pista. Sarà così anche in Brasile? Intanto tra inteviste e polemiche si avvicina il giorno della verità, che concede ad Alonso e Webber le maggiori possibilità di conquistare il titolo mondiale. Il ferrarsita comanda la classifica con 11 punti di vantaggio sul pilota della Red Bull. In corsa per l'iride anche Hamilton, -21 da Alonso, e Vettel, -25. Lo spagnolo, autore di una grande rimonta, è carico e vuole vincere gli ultimi due Gran Premi. Dopo il Brasile, Abu Dhabi. Ma dal volere al risutato in pista il passo è lungo. Una sopratutto è l'incognita: il motore Ferrari. E' spremuto e Alonso non può cambiarlo, avendo la Ferrari già esaurito il bonus. Il pilota però è bravo e sente meno degli avversari la pressione. Basta vedere cos'ha ad esempio combinato Webber in Corea.
Polemiche: il patron Formula 1, Bernie Ecclestone, ha dichiarato di fare il tifo per la Red Bull, "così - ha dichiarato - il prossimo anno in pista ci saranno cinque campioni del mondo". Apriti cielo, dai media spagnoli sono partite bordate all'indirizzo di Ecclestone. "Il patron vuole distruggere la Formula 1 per ingrossare il suo conto corrente", questa è la frase più carina. Come sempre, pewr fortuna, saranno la pista e la classe dei piloti a decidere il mondiale.

Piero Arcide