Logo San Marino RTV

Lunga vita ai Giochi: Piccoli Stati fino al 2025

7 mag 2016
Lunga vita ai Giochi: Piccoli Stati fino al 2025Lunga vita ai Giochi: Piccoli Stati fino al 2025
Lunga vita ai Giochi: Piccoli Stati fino al 2025 - In mattinata l'Assemblea Generale, occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori...
Lunga vita ai Giochi dei Piccoli Stati!
Potrebbe essere questo il tanto sospirato slogan emergente dall'Assemblea Generale tenutasi in mattinata a San Marino. Nell'occasione, il CONS ha sottoposto ai colleghi un progetto di revisione delle regole tecniche attinenti alla manifestazione: ne è nato un gruppo di lavoro che produrrà un documento da valutare nella prossima Assemblea Generale.
La notizia è che i Giochi non sono finiti, travolti da un disinteresse trasversale, tutt'altro: l'aumentato impegno del Montenegro apre a nuovi scenari di sviluppo, l'entusiasmo trasparito dalla presentazione della prossima e prima edizione nella penisola balcanica, veicola un messaggio di progresso, non certo di regresso. La candidatura ufficiale di Andorra per il 2021 e quelle di Malta e Monaco per le due seguenti, dona longevità e visibilità ai Giochi dei Piccoli Stati.
Quelli di San Marino 2017 – pur con mutate condizioni economico-strutturali del Paese rispetto all'edizione del 2001 – saranno indimenticabili per gli atleti. Almeno questo è uno degli obiettivi imprescindibili del Comitato Organizzatore, coordinato da Angelo Vicini. Altri punti irrinunciabili sono il coinvolgimento della popolazione sammarinese – anche con iniziative quali il lancio del count-down ufficiale ad un anno esatto dalla cerimonia d'apertura, in un evento che coinvolgerà tutte le Giunte di Castello – ma anche riaccendere entusiasmo e passione verso i Giochi, rinfocolando lo spirito che da sempre ha contraddistinto le Olimpiadi dei Piccoli Stati.
Costituiscono un elemento di internazionalità e visibilità per il nostro paese” – sottolinea Teodoro Lonfernini. Il Segretario allo Sport fa eco a Vicini quando prospetta un'edizione bella e coinvolgente, pur con risorse limitate rispetto a 16 anni fa. “La Segreteria e le istituzioni – assicura – sono al fianco di Comitato Olimpico e Comitato Organizzatore, sono sicuro che potranno contare sulla spinta propulsiva dei volontari”.
L'obiettivo sportivo è quello di migliorare dalle ultime due edizioni, che hanno segnato un regresso a livello di medaglie ottenute” – sottolinea il presidente del CONS Gian Primo Giardi. “Le annunciate candidature che garantiranno un orizzonte di lungo periodo ai Giochi non possono che farci piacere – prosegue – e l'impegno in forze dei fortissimi atleti del Montenegro altro non è che una sfida da raccogliere per migliorare e migliorarci”.

LP