Logo San Marino RTV

Nuoto Mondiali Budapest: Federica Pellegrini frantuma la Ledecky. Oro nei 200 s.l

27 lug 2017
Federica PellegriniNuoto Mondiali Budapest: Federica Pellegrini frantuma la Ledecky. Oro nei 200 s.l
Nuoto Mondiali Budapest: Federica Pellegrini frantuma la Ledecky. Oro nei 200 s.l - Bruciati i bookmaker che la davano ad 8.50 con la Ledecky che in pratica aveva già vinto con 1,18...
Bruciati i bookmaker che la davano ad 8.50 con la Ledecky che in pratica aveva già vinto con 1,18. Inceneriti tutti i suoi facili detrattori che dopo quel “miserabile” quarto posto di Rio la davano già pronta per il ruolo di mamma. Sul podio come una statua di marmo la 20 enne di Washington Katie Ledecky per la quale il secondo posto, questo sconosciuto. La gara qualcosa di unico: forse la più bella gara di sempre della “ Divina”. Niente Ledecky, davanti a tutte nei primi 50 c'è l'australiana McKeon ( Bronzo a Rio). Fede, vira ai 100 esattamente come a Rio. Preoccupazione totale. Avanti con la seconda parte. L'americana esce dai blocchi e comincia tirare le fila, Federica è quarta ai 150. Gli ultimi 50 sono bracciate di esplosivo della Pellegrini che tocca in 1.54.73 suo miglior crono dell'anno, secondo tempo stagionale al mondo, tempo che fa accomodare la Ledecky al secondo posto. E lei stessa a stropicciarsi gli occhi, e lei stessa a dichiarare che con i 200 metri chiude qui, con questo sapore di trionfo, con questo aroma da leggenda. A Tokyo, Federica ci sarà, e da una come lei è facile che ora sia no, e in Giappone sarà si.
Vedremo, intanto al Presidente del Coni Giovanni Malagò, piace vincere facile quando incorona Federica Pellegrini, miglior atleta italiana di sempre. E per Malagò le buone notizie non finiscono con la “ Divina” perchè c'è vita, eccome se c'è vita anche negli uomini. Gabriele Detti al termine di terribili 800 s.l regola il polacco Wojdak che aveva virato davanti a lui fino ai 700. Detti perde le tappe ma vince la guerra con 7.40.77 togliendo proprio al suo compagno di squadra Greg Paltrinieri il record europeo. Gregorio ha chiuso con il bronzo, forse in questo caso, incapace di difendere l'argento nettamente alla sua portata, ma c'è sempre la sua gara i 1500 per riprendersi il mal tolto. Nei 200 farfalla uomini non ci sono avversari per il sudafricano Chad Le Clos, oro in 1.53.33. Troppo forte il britannico Adam Peaty nei 50 metri rana chiude a soli 4 centesimi dal record mondiale 25.99, per lui. Fabio Scozzoli chiude sesto. Stati Uniti, Canada, Australia è il podio, nell'ordine della staffetta 4x100 mista femminile

L.G