Logo San Marino RTV

Presentato il Giro d'italia 2020: niente San Marino, tre tappe in Romagna

Si parte il 9 maggio a Budapest, arrivo il 31 maggio a Milano. Dal 20 al 22 la carovana sarà a Rimini, Cesenatico e Cervia.

di Riccardo Marchetti
24 ott 2019
Presentato il Giro d'italia 2020: niente San Marino, tre tappe in Romagna
Presentato il Giro d'italia 2020: niente San Marino, tre tappe in Romagna

Dopo il Tour, tocca al Giro d'Italia svelare il percorso dell'edizione 2020. La n° 103 della corsa Rosa, in programma dal 9 al 31 maggio. Per la 14ma volta si comincia dall'estero con la cronometro dedicata a Budapest, 9,5 km col via in Piazza degli Eroi. Corsa contro il tempo anche per la chiusura, con la frazione n°21 da Cernusco sul Naviglio a Milano. Un percorso con 6 tappe pianeggianti, 7 di media montagna, 5 di alta montagna – 6 gli arrivi in salita – e 3 cronometro. Stavolta niente San Marino, in compenso la carovana sarà in Romagna dal 20 al 22 maggio, nella seconda settimana. Prima la tappa 11 da Porto Sant'Elpidio a Rimini, con traguardo sul lungomare. Poi la tappa 12 tutta romagnola da Cesenatico a Cesenatico: un omaggio alla 9 Colli – con le salite di Ciola, Barbotto, Perticara, Pugliano e Passo delle Siepi – e ovviamente a Marco Pantani, come sottolineato dall'arrivo sotto la statua a lui dedicata. Infine la tappa 13, da Cervia a Monselice.

Prima della Romagna spiccano le tre giornate ungheresi – la crono d'avvio e due volate – e poi, subito dopo e senza riposi, le tre giornate siciliane. Qui arriveranno le prime salite, con l'arrivo sull'Etna nella frazione 5 e il valico Montescuro della n°7. Dopo la Romagna invece si segnala la tappa 15 che parte dalla base militare di Rivolto – con tanto di frecce tricolori – a Piancavallo, la salita Pantani di turno. Seguono l'ultimo riposo – lunedì 25 – e la settimana decisiva, aperta da una Udine-San Daniele con 6 gpm e il monte Ragogna da affrontare tre volte. Dopodiché l'impegnativa Bassano del Grappa-Madonna di Campiglio e la tappa regina dell'edizione, la n° 18: da Pinzolo ai Laghi di Cancano, con in mezzo Campo Carlo Magno, passo Castrin e la Cima Coppi di turno, lo Stelvio. Quindi un po' di riposo con la Morbegno-Asti prima di una tremenda penultima tappa da Alba al Sestriere, resa epica dal Colle dell'Agnello e dalla capatina in Francia col Col d'Izoard e Montgenevre. Ci saranno Nibali – intervenuto con videomessaggio alla presentazione – e il campione in carica Carapaz, sul palco insieme al direttore Vegni e al tre volte iridato Sagan, che annuncia la sua prima volta al Giro alla sua, estremamente naif, maniera.