Logo San Marino RTV

Rimini 1912-Miglianico 2-0

15 nov 2010
Assenti Brighi e Sari infortunati, D’Angelo deve rinunciare anche a Onescu squalificato, ma schiera nell’undici titolare il centrocampista Evangelisti, nonostante il ricorso presentato dal Renato Curi sulla posizione del centrocampista biancorosso. Il Miglianico, che non vince in campionato dal 26 settembre, si affida al classico 4-4-2, con due attaccanti giovanissimi, la coppia De Leonardis e Di Meo, entrambi classe 1991. Pronti via e il Rimini va vicinissimo al vantaggio, suggerimento di Baldazzi per il colpo di testa di Ragatzu appena a lato. Sono passati appena venti secondi. Ancora pericoloso il Rimini sull’asse Evangelsiti-Ragatzu, blocca il portiere Palena. Il centravanti riminese ci riprova con un destro in diagonale, sul quale si oppone l’estremo difensore abruzzese. Rimini padrone del campo e fioccano le occasioni da gol. Minuto 17, Baldazzi dai 20 metri, Palena non rischia e alza in angolo. Ci prova anche Olcese, buono il controllo, meno l’esecuzione in precario equilibrio. Il gol è nell’aria e arriva puntuale al ventitreesimo. Il destro vincente dai 18 metri porta la firma di Pierluigi Baldazzi, senza dubbio il valore aggiunto della squadra romagnola. Rimini sul velluto dopo il vantaggio, sul traversone di Gasperoni, Ragatzu di testa non trova lo specchio della porta, poi sul suggerimento di Santucci, centra in pieno il portiere avversario. Al terzo tentativo arriva il raddoppio, Olcese dentro per Ragatzu, controllo e girata che sorprende Palena per il 2-0. Sesto gol in campionato per il centravanti biancorosso. Per vedere un intervento del portiere riminese Pazzini, bisogna attendere il nono minuto del secondo tempo. Respinta con i pugni, sulla punizione di Quintilliani. La gara scende d’intensità, i padroni di casa badano esclusivamente al controllo della partita. Ci prova nel finale Olcese, palla direttamente sul fondo. Per il Rimini arriva la seconda vittoria consecutiva, nove punti in una settimana se ci mettiamo anche il 3-0 a tavolino con l’Agnonese e il secondo posto solitario in classifica, a tre punti dalla capolista Teramo.

Palmiro Faetanini