Logo San Marino RTV

Rimontone Nuova Zelanda, Barrett ribalta l'Inghilterra: 16-15

11 nov 2018
Rimontone Nuova Zelanda, Barrett ribalta l'Inghilterra: 16-15
Rimontone Nuova Zelanda, Barrett ribalta l'Inghilterra: 16-15
Alla Bombonera il diluvio annulla il Superclasico di Libertadores, a Twickenham invece rende ancor più epico il rimontone della Nuova Zelanda sull'Inghilterra. Da 15-0 a 15-16, davanti a oltre 82mila spettatori magari intorpiditi e delusi dal risultato, ma che di certo non si sono annoiati.

Fin dal 1°, quando il XV della Rosa avvia un allungo fatto di classe, ancora classe e potenza. Classe 1.0 ossia l'apertura all'ala di Youngs in uscita dalla mischia: gli All Blacks sono così sorpresi che Ashton può bloccare da fermo e volare in meta, con la chiusura di McKenzie che arriva 1” troppo tardi. Farrell non trasforma ma si fa perdonare 8' dopo con l'altro colpo di classe, sempre sugli sviluppi di una mischia ma di drop. Infine l'azione di potenza, una maul travolgente partita da una touche e conclusasi oltre la linea, con Hartley a firmare per tutti. Farrell stavolta completa il pacchetto da sette e al 24° il filotto quasi perfetto dell'Inghilterra è fatto.

Comincia allora l'ondata di attacchi neozelandesi, ben arginati dalle barricate di casa fin quasi allo scader del tempo. Qui un lungo possesso sui 22 porta alla meta di McKenzie, che premia lo sforzo degli avanti e trova il buco buono per aprire la rimonta. A trasformare ovviamente è Bauden Barrett, che si accolla in toto pure il resto del ribaltone. 3' dopo il 40° eccolo infilare la punizione del -5, 5 come i minuti di ripresa che gli servono per emulare Farrell nel drop vincente. Tempo di un'occasione sfumata per parte e l'apertura chiude il suo cerchio personale con una complicata punizione causata da un fuorigioco della difesa inglese: la freccia lampeggia e la Nuova Zelanda sorpassa.

Per rendere il tutto più bello ci vorrebbe il finale con suspance, che in effetti non manca: 76°, Lawes stoppa il calcio di Perenara e il rimbalzo premia Underhill, che vola in meta e riporta in vantaggio la Rosa. Solo per poco però, perché l'arbitro chiama in causa il Tmo – il Var della palla ovale – e annulla per un fuorigioco millimetrico di Lawes. Le ultime folate inglesi non portano a nulla e i bicampioni del mondo festeggiano il sesto successo di fila sui rivali di turno.

RM