Logo San Marino RTV

Seconda Divisione. Il Bellaria cade in casa

16 gen 2011
Seconda Divisione. Il Bellaria cade in casa 2-1
Seconda Divisione. Il Bellaria cade in casa 2-1
Bellaria dottor Jackill-Mr. Hyde. Primo tempo discreto, forse il migliore casalingo quest’anno. Ripresa col freno tirato, passiva che ha consentito al Fano di ribaltare il risultato col concorso dell’arbitro, davvero pessimo nei momenti decisivi. Alla fine così è stato 2-1 per i marchigiani ma chi è causa del suo mal pianga se stesso. L’atteggiamento nel secondo tempo infatti è sembrato davvero eccessivo di fronte ad un Fano coraggioso ma scarso come idee e contenuti. La cronaca. Al nono cross di Capodaglio da destra. Trimarco di testa sfiora il palo. 18'. Punizione di Petti. La difesa fanese respinge.Ballardini spara da fuori. Pfitscher devia di testa colpendo il palo. Sul prseguio la difesa salva dopo mischione. 24'. Ancora Petti su punizione mette in mezzo. Tabanelli gira di testa alzando la mira per questioni di cm. Insiste il Bellaria. Fall ci prova dal limite dando l’illusione del gol ma è solo paletto esterno. Al 41' il risultato si sblocca. Ballardini invita Tabanelli in area. Sul crossmano di Capodaglio. Rigore netto. Pfitscher va sul dischetto e segna con un tiro non proprio irresistibile. Nella ripresa i padroni di casa hanno la malaugurata idea di lasciare l’iniziativa agli ospiti. Solo al decimo Tabanelli in contropiede ha la palla buona ma tocca fuori sull’ uscita del portiere. Rimane il sospetto di un fallo da rigore su di lui. Decisione che invece l’arbitro prende 9 minuti dopo su un intervento di Severi su Trimarco. Fallo, se di fallo si deve parlare, veniale. Ma non per il signor Operato di Isernia. Piccoli dagli 11 metri non sbaglia. Il Ballaria va nel pallone e la 33' subisce il raddoppio. Cross di Amaranti. Bamonte è leggerino. Ferrari ringrazia, tira e segna in diagonale. La reazione romagnola è tutta in questa conclusione di Fall respinta con i piedi da Perucchini. Finisce 2-1 ma il Bellaria deve farsi un bel esame di coscienza.

Piero Arcide