Logo San Marino RTV

Speranze appese ad un filo per il San Marino: C2 sempre più vicina

28 mag 2007
Pallone
Pallone
Per salvarsi il San Marino dovrebbe segnare tre gol a Martina Franca senza subirne alcuno. Pura illusione, se i biancoazzurri sono quelli visti ieri all’olimpico.
Nessun tiro verso la porta difesa da Ambrosi: questo il dato più sconfortante, perché la gara era stata preparata nei minimi particolari, ed invece qualcosa di buono lo si è visto soltanto nel primo quarto d’ora .
L’uno–due ospite poi, ha fatto il resto, il San Marino si è letteralmente sgonfiato e non ha saputo rialzarsi. Nella ripresa chi attendeva una reazione è rimasto deluso, non si è mai vista una manovra avvolgente che potesse mettere in difficoltà la difesa pugliese.
Poche e confuse le idee di una squadra probabilmente rassegnata al proprio destino. Le dichiarazione del dopo rilasciate dal tecnico, Walter Nicoletti, e dal Presidente, Daniele De Luigi, lasciano trasparire ancora la voglia di non gettare la spugna: nel calcio infatti può succedere di tutto.
In questo momento forse neanche l’ottimista più assuefatto crederebbe nella rimonta ma il San Marino a Martina per gli ultimi 90 minuti di C1 ci deve andare, e ci deve andare con la testa di chi potrebbe fare un miracolo: nel calcio se ne sono visti tanti.