Logo San Marino RTV

Suicidio Pallacanestro Titano, San Lazzaro vince di un punto

8 mag 2018
Suicidio Pallacanestro Titano, San Lazzaro vince di un punto
Suicidio Pallacanestro Titano, San Lazzaro vince di un punto - I Titans cedono 65-64 in Gara 3 dei playout con San Lazzaro, che espugnando il Multieventi è salva....
In vantaggio per 37' 23” su 40 e mai sotto fino 3' 29” dalla fine. Basta questo per sintetizzare l'incredibile suicidio della Pallacanestro Titano, battuta 64-65 nel suo Multieventi da San Lazzaro, che ribalta la serie e resta in C Gold. Tra i biancazzurri e la C Silver invece resta un'ultima ancora di salvezza, un triangolare da giocarsi, in campo neutro, questo weekend: la migliore è salva, le altre due vanno giù. Si comincia venerdì, a Castelguelfo, contro Modena, apparentemente vittima sacrificale del terzetto: chi perde se la vede sabato con la principale rivale salvezza della Titano, la Gaetano Scirea Bertinoro, chi vince affronta i forlivesi domenica.

Top scorer di Foschi sono Ricci, 14 punti, e Zannoni, 13 punti. Quest'ultimo ne mette 7 nel 13-2 dei primi 5', un +11 – fondato su tre triple – che resiste fino al riposo. A dare l'alzati e cammina a San Lazzaro è Riccardo Fabbri, autore di un secondo quarto da urlo: 16 punti – su 21 suoi totali e su 17 di squadra nella frazione – e 4 triple, le uniche messe nel cesto dai verdi. All'intervallo lungo il distacco è dimezzato e al rientro i canestri di Ricci non bastano per tenere avanti la Titano: la rimonta viene completata da Rossi – 11+7 rimbalzi – e Allodi, 14 punti e autore del pari, che si protrae fino al 30°.

Qui inizia un'altra partita, comunque molto simile alla precedente: 9-2 e +7 per i biancazzurri, sembra lo strappo decisivo e invece è l'anticamera della disfatta. 8-0 San Lazzaro e sorpasso firmato dal gioco da tre di Allodi, subito ribaltato da Sinatra. In un momento in cui la Titano sbaglia l'impossibile – sanguinosi lo 0/2 di Gamberini e l'errore seguente di Aglio – Sinatra è l'unico ad accendere la luce: la guardia fa esplodere il palazzetto con due triple a stretto giro, la seconda delle quali vale il +2 con 39” da giocare. L'esultanza è di quelle di chi sa di aver vinto, ma così non sarà. Allodi pareggia ancora a 28” dalla sirena, sul ribaltamento Sinatra perde palla e Lolli s'invola, scontrandosi con Zannoni: per Foschi è sfondamento, per l'arbitro è fallo della difesa e il 5 ospite mette la freccia facendo 1/2 dalla lunetta. Restano 5”, Grassi penetra sperando nel fallo o in un miracolo ma non ottiene nessuno dei due: San Lazzaro impazzisce per una vittoria Gold e San Marino comincia ad avere i capelli bianchi di paura, nella speranza che non si colorino di Silver.

RM