Logo San Marino RTV

Tennis, Australian Open: Federer - Nadal in semifinale

22 gen 2014
Tennis, Australian Open: Federer - Nadal in semifinale
Tennis, Australian Open: Federer - Nadal in semifinale
L'Australian Open dei ribaltoni nasce e finisce con l'esclusione del principale candidato alla vittoria finale - Novak Djokovic - passando per la vittoria sudatissima di Nadal contro Dimitrov, giovane bulgaro destinato a far parlare molto e molto bene di sè. A far cadere la testa più prestigiosa del torneo è stato l'elvetico Stanislas Wawrinka, alla sua seconda semifinale consecutiva e in carriera in uno Slam. Vendicata - e nelle stesse modalità - l'eliminazione di Flushing Meadows di qualche mese fa: allora fu Djokovic a sorridere al quinto set, oggi lo svizzero capace di imporsi per 2-6, 6-4, 6-2, 3-6, 9-7 in quattro ore esatte.
Si troverà di fronte Tomas Berdych, che sulla sua strada ha incontrato e scansato David Ferrer, liquidato in quattro set 6-1, 6-4, 2-6, 6-4. Per il ceco è la prima semifinale in Australia, dopo quelle ottenute a New York, Parigi e Londra, dove può vantare - o rammaricarsi - della finale persa da Nadal nel 2010.
Per la prima volta saranno due gli svizzeri in semifinale: il quarto di finale che opponeva Federer e Murray per i maliziosi sembrava dover certificare un altro step della parabola discendente del campione svizzero, che invece si è presentato alla sfida con il britannico senza aver ceduto un solo set nelle quattro partite precedenti - Tsonga negli ottavi compreso. Partenza a razzo, scambi corti e ricerca del vincente - costi quel che costi. Il nuovo capitolo Federer - con note a piè di pagina di Edberg, per la prima volta - porta in dote due set in un'ora e venti minuti. Niente male, considerando che altri 40 sono stati sufficienti all'ex numero uno per andare a servire sul 5-4. Lì si è registrato il colpo di coda di Murray, che ha trascinato e vinto il set al tie-break. Ammutoliti i supporter di Federer, immaginando una flessione forse decisiva del proprio beniamino. Tutt'altro: reazione da fenomeno e set delicatissimo portato a casa - così come il match - al quarto.
Troverà Nadal, che apparentemente doveva fronteggiare l'impegno meno gravoso: per un quarto di finale di uno Slam contro Dimitrov avrebbero firmato in molti. Il bulgaro - sicura stella tra qualche tempo - aveva eliminato Raonic, uno dei più attesi sul veloce, approfittando poi del vuoto di teste si serie causato dalla sconfitta di Del Potro. Il numero uno del mondo ha dovuto faticare più del previsto, cedendo il primo set 6-3. La reazione del maiorchino è stata meno travolgente del solito, ma - anche grazie ad una buona dose di fortuna, come ammesso nell'intervista post match - non meno efficace: 3-6, 7-6, 7-6, 6-2 è il risultato finale che premia Nadal e lo manda a giocarsi un posto in finale con Roger Federer. La sfida infinita tra due giocatori dati troppo velocemente per finiti, sta per arricchirsi di un nuovo capitolo. Che tutti non vedono l'ora di leggere.

LP