Logo San Marino RTV

Basket: Torino salva con Gerasimenko, tra i dubbi di Federazione e tifosi

Dimitry Gerasimenko, l'imprenditore che portò Canù vicino al fallimento, riparte da Torino

25 apr 2019
Auxilium Torino
Auxilium Torino

La nota ufficiale della Federazione Italiana Pallacanestro ha rappresentato una vera boccata di ossigeno per i tifosi dell'Auxilium Torino. Un breve comunicato sul sito ufficiale nel quale la FIP accoglieva positivamente la notizia che la società torinese avrebbe reperito le risorse necessarie per terminare il campionato. Una cauta tranquillità si potrebbe dire visto che la Federazione aveva sottolineato la necessità di “non fermare le attività di verifica”. Da una parte il club, che deve concludere una stagione che a tre giornate dalla fine vede la squadra piemontese salva, dall'altra la Federazione, che deve garantire la regolarità di un campionato che potrebbe veder cambiare la sua classifica in corso e tutelare anche chi la salvezza sta cercando di conquistarsela sul campo. Una cauta tranquillità, che ha diviso soprattutto i tifosi, non proprio più sereni dopo l'assemblea di martedì che ha sancito la ricapitalizzazione e il passaggio della proprietà. Fin qui nulla di diverso da quanto potrebbe accadere, anche perché alle spalle c'è un gruppo di imprenditori torinesi coordinati da Paolo Terzolo. Se non fosse la novità arrivata in casa Torino con il ritorno di una vecchia conoscenza di Cantù, l'imprenditore Dmitry Gerasimenko. Se da una parte si esulta per lo scampato pericolo, dall'altra il passato del magnate che sta contribuendo a salvare Torino non lascia sereni i tifosi, che sulla notizia si sono divisi apertamente tra quelli che alla salvezza, avrebbero persino preferito ripartire, piuttosto che avere in società l'imprenditore che ha portato Cantù vicino al fallimento, arrivando nel 2018 a cedere la società a costo zero. Aspetto non ti poco conto, che ha attivato anche la Federazione Italiana che proprio con il comunicato, ha di fatto manifestato, a partire proprio dal presidente federale Gianni Petrucci, tutto lo scetticismo del caso sull'operazione. Intanto è iniziata l'era di Torino sotto il segno anche di Dmitry Gerasimenko.