Logo San Marino RTV

Brutto primo tempo, Pesaro cede a Sassari 81-88

di Roberto Chiesa
22 apr 2019
Foto facebook @VictoriaLibertasBrutto primo tempo, Pesaro cede a Sassari 81-88
Brutto primo tempo, Pesaro cede a Sassari 81-88

Sicuramente più in fiducia e forse anche più forte, Sassari vince a Pesaro (decimo successo consecutivo tra campionato e coppa) e continua la rincorsa a un posto nei play off. La VL, partita male, ci mette tutto il primo tempo ad entrare in partita e quando sembra averla ripresa finisce col pagare l'apnea dell'inseguimento.

L'avvio è drammatico, sul canestro c'è il coperchio e i padroni di casa si trovano 0-11 senza praticamente giocare, poi energia, cuore e fiducia fanno si che anche Pesaro si iscriva alla contesa. Sassari resta al comando delle operazioni, ma l'avversario c'è e solo grazie all'asse Spissu-Polonara va all'intervallo lungo con gli undici di margine (33-44) accumulati in avvio. Sassari rientra dagli spogliatoi con fame ed energia e scrive un parziale di 12-4 che valgono nell'ordine il +20 e l'ipoteca sulla partita. Sull'orlo del burrone la Vuelle non molla e il break di 4 punti di Ancellotti segna la ripartenza: i padroni di casa dimezzano il vantaggio trascinati da McCree e al 20' il tabellone dice 49-59. Pesaro continua la sua corsa con McCree e Wells: Blackmon riporta i suoi a un solo possesso di distanza. A quel punto la differenza la fa Jaime Smith che infila due canestri fondamentali e costringe McCree al fallo in attacco, il quarto della sua partita.Pesaro sigla un break di 5 punti con Wells a cronometro fermo e Monaldi dall’arco: l’ex Dinamo riporta i suoi a -1. Ma il Banco decide di andarla a vincere, Smith trova tre punti di fila per il nuovo +4, poi altri 5 punti con Polonara e Cooley dalla media. Pesaro tenta l’ultimo aggancio al match, ma i sardi non danno segni di cedimento e Gentile mette il sigillo sulla vittoria.

Alla Vitrifrigo Arena finisce 81-88, la salvezza è ancora tutta da conquistare.