Logo San Marino RTV

Eurolega: Fenerbahce batte Milano e si conferma in testa

15 dic 2018
EurolegaEurolega: Fenerbahce batte Milano e si conferma in testa
Eurolega: Fenerbahce batte Milano e si conferma in testa - Ad Istanbul finisce 92 a 85, in una partita che ha evidenziato le prove di Guduric, 20 punti, Vesely...
Una sola vittoria esterna, nel dodicesimo turno di Eurolega. La ottiene il Baskonia che si impone sul parquet del Maccabi Tel Aviv con il punteggio di 81 a 79. Ai padroni di casa non bastano 4 uomini in doppia cifra. Gli spagnoli vincono grazie ad un monumentale Shengelia, autore di 20 punti e 10 rimbalzi ed i 16 di Janning.
A Milano invece non basta un immenso Mike James, per interrompere la serie di 4 sconfitte consecutive. L'americano segna 31 punti ma il quintetto di Pianigiani si deve arrendere al talento della capolista Fenerbahce. Ad Istanbul finisce 92 a 85, in una partita che ha evidenziato le prove di Guduric, 20 punti, Vesely 17 e Datome a quota 10.
E' stata anche la giornata dei derby che hanno premiato le due favorite. Senza Shved, a trascinare il CSKA contro il Kimki, è stato Daniel Hackett autore di una prestazione da 14 punti e un 19 di valutazione. Finisce 88 a 74, con 12 punti di Rodriguez e 10 di De Colo. Al Kimki non bastano i 18 di Markovic ed i 15 di Thomas. Non c'è partita anche nel "clásico” che ha un solo padrone! Il Real Madrid. Partita praticamente perfetta dei campioni in carica che non danno scampo al Barcellona. 92 a 65 il risultato finale con la squadra di Laso che mette a referto ben 10 giocatori. Uno stratorsferico Derrick Williams trascina il Bayern Monaco alla vittoria con la Zalgiris. 27 punti con il 70 % da due e 3 su 5 nel tiro da da tre. Per gli uomini di Radonjic arriva  la sesta vittoria e anche un posto un zona play-off.
Torna alla vittoria il Panathinaikos che supera per 75 a 67 il Darussafaka. Da segnalare la prestazione davvero maiuscola del giovane Mitoglu. Per il pivot greco, 20 punti e 6 rimablzi.
Prosegue a suon di vittorie il nuovo corso del Gran Canaria. Sotto la guida di Garcia, il quintetto spagnolo ha dominato la sfida con il Buducnost. Nonostante un parziale di 15 a 0 dei montenegrini nell'ultimo quarto, i padroni di casa si sono imposti per 95 a 85. Fattore campo decisivo anche nella sfida tra l'Oympiacos e l'Efes. Partita sempre sul binario del perfetto equilibrio e quintetto turco, avanti di 7 punti all'inizio dell'ultimo quarto. Di lì in poi, sale in cattedra la coppia Spanoulis-Printezis e la maggior precisione e lucidità dei greci fa la differenza. Al Pireo finisce 88 a 81.