Logo San Marino RTV

Eurolega: Maccabi in scioltezza, colpi esterni per Khimki, Efes e Real Madrid

di Riccardo Marchetti
8 nov 2019
@twitter
@twitter

Si muove all'unisono il terzetto di quarte d'Eurolega composto da Maccabi, Khimki ed Efes, tutte vincenti e momentaneamente al secondo posto con Barça e CSKA a -1 da Milano. Tel Aviv annienta 104-78 l'Alba Berlino in una gara in bilico solo nel primo quarto, nel quale il dominio sotto plancia di Black viene compensato dai 7 di Giffey. Già in avvio di secondo però arriva il 10-0 di un Macca formato cecchino - 61% da 2, 50% da 3 e 21/25 in lunetta – spinto dai 19 di Dibartolomeo e i 16 di Wilbekin. Per l'Alba 14 a testa di Siva – con 8 assist – e Cavanaugh.

Percentuali da urlo - 61% da 2 e 55% da 3 – anche per l'Efes che riscatta il ko di Atene della scorsa settimana espugnando il Pireo. 86-67 all'Olympacos grazie alle prove monstre di Micic e Larkin, rispettivamente 27 e 24 punti e primi attori nel 15-2 che vale il +18 del riposo lungo. Annullato, nel terzo, dalla rimonta dei greci, che s'affidano alla solita doppia doppia di Milutinov -10+13 rimbalzi – e al duo da 29 punti Paul-Printezis. È proprio Paul a firmare, a cavallo della penultima sirena, le triple del -6, Micic e Larkin però rispondono per le rime e stavolta lo strappo è letale.

Successo esterno anche per il Khimki, 87-73 nel derby con lo Zenit San Pietroburgo. I 25 di Hollins – che come tutta la squadra fatica dall'arco – sono compensati dai 20+7 rimbalzi di Booker e dai 19 di Shved, protagonisti già nel +12 del secondo periodo. Nel terzo, Ayon e le triple di Albicy e Hollins riportano lo Zenit a -2, poi il Khimki inizia a sua volta a spingere da fuori e il disavanzo diventa definitivamente incolmabile.

Tiene il passo anche il Real Madrid, al momento 7° da solo col 75-60 sul parquet della Stella Rossa. Sotto di 10 già nel secondo, i serbi riemergono nel terzo con le triple di Baron, Dobric e Faye, che fissa il +3 del 30°. Ma è proprio dall'arco che i blancos imbastiscono il decisivo 26-8 dell'ultimo quarto, nel quale i bombardieri sono Llull – top scorer dei suoi a quota 16 – Fernandez e Causeur. Per Madrid anche 11+9 rimbalzi di Tavares, per la Stella 17 di Baron e 14 di Lorenzo Brown.