Logo San Marino RTV

Eurolega: Milano inciampa in casa

L'Efes Istanbul si impone al Forum, vincono anche Stella Rossa, Olympiacos e Valencia

22 nov 2019
Eurolega: Milano inciampa in casa

Milano cade per la prima volta in casa e perde la vetta. Al Forum passano i turchi dell'Efes di nuovo sul pezzo dopo il ciclone Ataman. Inizio battagliato e complicato, le squadre la mettono subito sul ritmo a scapito della precisione al tiro. Milano chiude il primo periodo vanti di 1 e buon inizio di secondo porta Armani avanti 25-19, ma a questo punto è l'Efes a cambiare marcia. Larkin si mette a fare quello che è, il fuoriclasse, è principalmente lui ad alimentare lo strappo che vale un break di 3-14 e conseguente sorpassone 28-33. Messina ruota e risponde con un 7-0 e poi intervallo lungo sul 39-41. La ripresa comincia male, Armani va sotto di 6, l'Efes gioca meglio e trova il canestro con una certa regolarità. Milano resta in scia per via di qualche tripla trovata, ma l'inerzia e tutta Efes che tiene sempre dietro gli avversari. Un paio di giocate dell'indomito Rodriguez trovano l'illusorio -3, ma tutto si chiude con il 76-81 che è anche addio al primato.

La Stella Rossa fa l'impresa a Kaunas. Reduci entrambe da 3 sconfitte consecutive,  sono i serbi a fermare l'emorragia. In una partita dal punteggio basse e dalle percentuali pessime, decide una tripla di Lekavicius a 4 secondi dalla sirena respinta dal ferro. Sarebbe stata quella del sorpasso e invece è la Stella Rossa a vincere per 59-61. C'è la firma di Pryntezis nel successo che l'Olympiacos ottiene in scioltezza sul parquet di Berlino. Il match si decide già nel primo quarto con gli ospiti che sbaraccano la pratica segnando ben 30 punti. Una volta al comando, i greci tengono sempre a distanza di sicurezza le velleità di rientro di Berlino, cui questa volta manca il marchio di fabbrica di una difesa efficace. Confusione anche in attacco con 14 palle parse, insomma l'Olympiacos prima domina e poi fa allenamento fino all'80-99 finale. Adesso Valencia non si ferma più. Gli scatenati spagnoli inanellano la quarta vittoria consecutiva in Eurolega rilanciando le proprie quotazioni dopo un avvio tribolato. Il Khimki perde la seconda partita in tre giorni in terra spagnola. Per i padroni di casa 18punti e 7 rimbalzi di Dubljevic, compreso il canestro della sicurezza. Mosca lotta, ma esce sconfitta 89-84.