Logo San Marino RTV

Eurolega: salgono Zalgiris e Bayern, imprese di Buducnost e Maccabi

7 dic 2018
EurolegaEurolega: salgono Zalgiris e Bayern, imprese di Buducnost e Maccabi
Eurolega: salgono Zalgiris e Bayern, imprese di Buducnost e Maccabi - Barcellona e Olympiacos fanno un favore a Milano e cadono in trasferta, rispettivamente a Podgorica...
Nella sua Podgorica il Buducnost è ormai una sentenza e dopo Baskonia e CSKA fa la pelle pure al Barcellona, battuto 67-64. Tris di successi interni per i balcanici e terzo ko nelle ultime quattro per gli ospiti, al termine di un match senza bomber, dai punteggi bassi e senza strappi importanti. A metà ultimo quarto una tripla di Pangos vale il +5 Barça, annullato da 8 punti di un Gordic che, dalla distanza, infrange l'ultimo pari di serata. Il palazzetto alza i decibel e si ripete sulla stoppata di Earl Clark su Pangos, quindi Jackson firma il 10-0 che ribalta le distanze. Singleton accorcia con un tris di liberi e ancora Jackson va in lunetta per il +3 a 6” dalla sirena, reso definitivo quando Hanga manda sul ferro il disperato tiro che varrebbe l'overtime.

Barça ko, Milano ko e, a completare la serataccia del terzetto di quinte, ko pure l'Olympiacos, sconfitto 83-75 dallo Zalgiris Kaunas. Printezis parte con 4 triple e 14 punti – su 16 di squadra e 18 personali – poi si svegliano anche i suoi compagni e al 10° è +10 Pireo. Il dominio greco vacilla in chiusura di secondo quarto e finisce con l'8-0 di inizio terzo. Chiuso dal sorpasso allo scadere di Wolters, primo mattone di un 10-0 che, al rientro, mette fine alle ostilità. I saluti li decreta, a 1' dal termine, la tripla di Grigonis, cannoniere lituano a quota 19. Bene anche il duo da 27 punti Wolters-White, di là, oltre a Printezis, ci sono i 15 di LeDay.

Secondo successo di fila per Kaunas, che sale a 5. Stesso record del Bayern Monaco, vincente 72-65 su un Khimki che, senza il suo asso Shved, non trova il poker di scalpi. I bavaresi sono sempre in controllo e nel terzo periodo vanno a +11, gli ospiti risalgono fino al -3 del 39° firmato dalla tripla di Markovic e infine crollano sotto i liberi di Williams e Dedovic, top scorer con 14 punti.

Clamoroso invece il tonfo interno del fanalino di coda Darussafaka, che nella sfida da bassifondi col Maccabi Tel Aviv cade 73-71 nonostante il +16 del 27°, frutto di due parziali di 14-2 e 8-0. Tutto cancellato dal 9-22 dell'ultimo quarto, nel quale il Macca bombarda dall'arco. Wilbekin apre con due triple e chiude con quella del +5, McCallum accorcia ma infine sbatte sulla stoppata di Zoosman e sul rimbalzo di Kane. Per i turchi 20 punti di Eric e 14 del neo acquisto Duoglas, negli ospiti 12+14 rimbalzi di O' Bryant.

RM