Logo San Marino RTV

Sparisce Williams, sparisce la VL: Pistoia s'impone 91-79, salvezza a +10

L'innesto dell'ala americana dà la scossa a Pesaro, al 29° però un infortunio lo limita e tutto torna come prima. Petteway sontuoso con 32 punti.

di Riccardo Marchetti
22 dic 2019
Pistoia - Carpegna Prosciutto Pesaro
Pistoia - Carpegna Prosciutto Pesaro

Arriva Troy Williams e la VL Pesaro pare pronta per la prima vittoria, s'azzoppa Troy Williams e tutto torna alla tremenda normalità. L'asso americano parte con 17 punti nei primi tre quarti, poi un infortunio alla gamba ne azzera il rendimento e spiana la strada a Pistoia. È 91-79 per i toscani, al 5° successo casalingo consecutivo e ora a quota 10 in classifica. Che poi è anche la nuova distanza tra la salvezza e la VL, che può e deve ripartire da quanto di buono visto con la sua nuova ala a pieno servizio. Non si ripartirà, questo pare ormai palese, da Thomas e Drell: il primo è il sacrificato designato per far spazio a Williams, il secondo invece vanifica l'ennesima chance sommando, in 5', 1 fallo, due rimbalzi, una persa e 0/1 al tiro.

Nel complesso, il migliore della VL è Pusica - 21 punti e 8 assist - mentre Barford ne fa 14 ma di fatto sparisce con la ripresa. Per Pistoia 17+9 rimbalzi di Dowdell, doppio 11 punti/rimbalzi di Brandt e soprattutto 32 di un magnifico Petteway, che ne mette subito 10 e conduce i suoi all'immediato +7. Solito copione, se non fosse che ora allo spartito pesarese s'è aggiunto Williams: i primi due tiri dell'ex NBA sono da fuori e portano 7 punti, l'allungo toscano è annullato e la partita procede punto a punto. Così anche nel secondo quarto, nel quale però la VL trova i primi vantaggi con Totè, Barford – anche lui già in doppia cifra -e col solito Williams, da una cui tripla parte il 6-1 che vale il +5 del riposo lungo.

Altro strappo illusorio, visto che al rientro Pistoia fa 9-3, torna avanti e riavvia un duello serrato e spettacolare, fatto di triplone e schiacciate. Nel quale è un Pusica caldissimo da oltre l'arco a fare da ariete per una VL che ci crede e non molla niente. Almeno finché, al 29°, Williams resta a terra dopo un infruttuoso attacco al cesto, vittima di un problema muscolare, che non lo toglie dalla partita ma lo costringe a qualche minuto di panca. Un lasso sufficiente a togliere sicurezza alla VL – che adesso dall'arco è nulla – e a lanciare Pistoia, che nonostante il ko di Brandt avvia il 20-7 del +13. Ormai è fatta, Pesaro accorcia ma viene subito cancellata dal 5-0 dell'immancabile Petteway, che a 39” dalla sirena vale un incontestabile +14.