Logo San Marino RTV

Il caos Serie B stoppa ancora la C: 7 partite rinviate, 5 squadre chiedono intervento del Governo e commissariamento Coni

21 set 2018
Il caos Serie B stoppa ancora la CIl caos Serie B stoppa ancora la C: 7 partite rinviate, 5 squadre chiedono intervento del Governo e commissariamento Coni
Il caos Serie B stoppa ancora la C: 7 partite rinviate, 5 squadre chiedono intervento del Governo e commissariamento Coni - Oltre a quelle delle sei in ballo per il ripescaggio - Novara, Pro Vercelli, Siena, Ternana, Catania...
L'estate è ufficialmente finita, la farsa sulla composizione della Serie B – e di conseguenza della Serie C – ancora no. Intanto la terza serie procede zoppa: rinviate di nuovo le partite delle squadre in ballo per il ripescaggio, ossia Arezzo-Pro Vercelli, Siena-Pisa, Novara-Albissola, Fano-Ternana, Catania-Siracusa ed Entella-Arzachena. In più è rinviata anche Juve Stabia-Viterbese, perché i laziali non ci stanno a giocare nel Girone C e voglio salire nel Girone A.

Tornando al toto-ripescaggi, in questo momento l'ipotesi più probabile è una B a 20, con la riammissione dell'Entella. Richiamata in ballo mercoledì dal Collegio di Garanzia del Coni, che ne ha accolto il ricorso contro la sentenza del Tribunale Nazionale FIGC sulle plusvalenze fittizie. Per il Collegio, il -15 al Cesena era da scontare non in questa stagione – nella quale tra l'altro quella società non esiste – ma nell'ultima Serie B: quindi l'Entella si sarebbe salvata a scapito dei bianconeri e va riammessa.

Ai liguri questa pronuncia dovrebbe bastare per salutare la C, al momento però la loro posizione è congelata, perché nel frattempo, nel calderone-cadetteria, è entrato pure il Governo. Tirato in ballo da un'istanza delle altre 5 ripescabili - Catania, Novara, Pro Vercelli, Siena e Ternana – che chiedono all'esecutivo di intervenire, in virtù delle funzioni di vigilaza attribuitegli, con un provvedimento straordinario che azzeri i contenziosi in essere e che che assicuri il rispetto delle regole – quindi B a 22 – o che reintegri tutte le richiedenti, con la B a 24. L'istanza cita il precedente analogo del 2003, quando il Governo concesse poteri straordinari a FIGC e Coni per risolvere il Caso Catania. E, dicono le istanti, ci sarebbero pure gli estremi per commissariare il troppo immobile Coni. Il Governo, nella persona del sottosegretario alla presidenza con delega allo sport Giancarlo Giorgetti, ha affermato che interverrà, se la situazione non si sbloccherà entro qualche giorno.

Intanto, il 26 settembre il Tar del Lazio stabilirà definitivamente chi, tra Tribunale FIGC e Collegio del Coni, dovrà decidere in merito. Nel caso toccasse al secondo, il 28 ci sarebbe la riunione per definire il format e il 1° ottobre si saprebbero le eventuali ripescate.