Logo San Marino RTV

Coppa Italia, è finale Lazio-Juve: al Napoli non basta vincere 3-2

6 apr 2017
Il gol di HamsikCoppa Italia: è finale Lazio-Juve: al Napoli non basta vincere 3-2
Coppa Italia: è finale Lazio-Juve: al Napoli non basta vincere 3-2 - Doppietta di Higuain che, coperto di fischi, ha risposto ai tifosi del Napoli indicando la tribuna v...
Si cambia teatro, dall'Olimpico al San Paolo, si cambiano gli interpreti ma il copione della seconda semifinale di ritorno di Coppa Italia è lo stesso della prima: c'è una squadra che vince, il Napoli, e un'altra che passa il turno, la Juventus. Cui il ko per 3-2 non basta per compromettere il 3-1 dell'andata, né per negarle la terza finale consecutiva. È comunque soddisfatto Maurizio Sarri, che per la seconda volta in pochi giorni è riuscito a imporre il suo gioco ai campioni d'Italia.

Rispetto al match di campionato Sarri opta per il centravanti di peso, con Milik al posto di Mertens. E il polacco si mette subito in mostra ricevendo da Diawara e andando col tacco per Insigne: palla in mezzo per Callejon che si vede murato da Neto, Zielinski va a rimbalzo ma non inquadra. La Juve però è sempre in agguato e così, dopo il regalo di Chiriches malamente sciupato da Rincon, anche stavolta va in vantaggio. La firma è del core ingrato Higuain, sulla cui botta da fuori Reina non sembra del tutto incolpevole.

Il primo tempo finisce così, la ripresa invece offre 4 reti in 14 minuti. Si comincia col pari di Hamsik, che sfrutta una carambola su Alex Sandro per freddare Neto con un piattone sul primo palo. Un'imprendibile meraviglia che riaccende la speranza, prontamente spenta dall'altrettanto bella combinazione Dybala-Cuadrado-Higuain, che vale la doppietta al Pipita.

Per passare il Napoli ora deve farne quattro, si limiterà a due. Il primo è un gentile omaggio di Neto a Mertens, entrato da 5” e subito fiondatosi sul povero vice Buffon, sul quale, nel dopo partita, Allegri non si sente di infierire. Il secondo invece è di Insigne, anche se il grosso lo fa Callejon liberandosi di Benatia e servendo al compagno un pallone che va solo insaccato. Manca mezz'ora, il Napoli spinge ma non va oltre a una girata di Pavoletti deviata in angolo: la finale è della Juve, che punta il terzo successo di coppa consecutivo.

RM

Nel servizio le parole degli allenatori Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri