Logo San Marino RTV

Il finale sorride alla Triestina: 2-0 al Renate

24 feb 2019
Triestina - Renate 2-0Il finale sorride alla Triestina: 2-0 al Renate
Il finale sorride alla Triestina: 2-0 al Renate - Fino al 79° è una gara da 0-0, poi si svegliano Mensah e Granoche e l'alabarda resta seconda.
Per difendere il secondo posto – e il -7 dal Pordenone – la Triestina s'affida agli spunti dei big del suo attacco. Ossia Mensah e Granoche, che quando il declassamento giuliano sembra cosa fatta si svegliano di botto e confezionano il 2-0 sul Renate, tornato a perdere dopo 7 risultati buoni. Sale a 9 invece la striscia utile dell'alabarda, vincente in 4 degli ultimi 5 turni.

Pantere subito all'assalto col palleggio di Piscopo a eludere Malomo, Lambrughi legge il pericolo e lo chiude. Per il contrappasso, di là Piscopo viene scherzato in fascia da Formiconi, ne esce un cross che Beccaro inzucca alto. Fino al riposo c'è solo Trieste, attiva soprattutto sui piazzati: punizione-schema tra Coletti e Procaccio a liberare Granoche - che non riesce né a imbucare né a colpire – e botta da lontano di Beccaro su un corner respinto dalla difesa, Cincilla blocca sicuro.

Con la ripresa, pian piano, si torna a far sul serio: tocco di Petrella e stoccata dalla mezzaluna di Procaccio, fuori di poco. Trova la porta invece il colpo di testa di Guglielmotti, Offredi respinge e, sulla successiva imbucata di Spagnoli, Caccin manda sul fondo. Lo 0-0 sembra alle porte, invece ecco i gol. Steffè s'appoggia sulla sponda di Granoche, avanza e serve Mensah, che si gira facendo perno sull'immobile Malomo e la infila tra palo e Cincilla. Questo al 79°, allo scoccare dell'83° invece tocca al Diablo. Anche qui c'è la complicità della difesa lombarda: Petrella svernicia in fascia Caccin, si beve Caverzasi con un giochetto e appoggia a rimorchio per Granoche, sul cui tiro Cincilla non fa una gran figura. L'uruguagio invece fa 11 in campionato e resta capocannoniere con Lanini. Al Renate non resta che chiudere in bellezza col traversone di Anghileri sul quale Rada fa sponda per la rovesciata di Vassallo, titolo di coda d'autore ma fuori misura.

RM