Logo San Marino RTV

Forlì-Bassano 2-0

2 feb 2014
Forlì-Bassano 2-0Forlì-Bassano 2-0
Forlì-Bassano 2-0 - Quando deve cambiare qualcosa, succede tutto in una volta.
Quando deve cambiare qualcosa, succede tutto in una volta. Il Forlì conquista il Morgagni che nel 2014 aveva portato solo sconfitte proprio nel pomeriggio in cui il calendario di fatto lo vietava. Il Bassano a scanso di equivoci e' capolista vera che gioca più di 70 minuti in 10 e non perde le distanze mai. Se c'è un minuto da ricordare e' il 18: Docente anticipa Rossi che mette le mani fuori dall'area. Il portiere si prende il rosso diretto e chiaramente Petrone sacrifica una punta. Sulla punizione. Lombardi appena entrato ci mette il guanto freddo e ci salta fuori per un pelo. Il Bassano si difende con ordine, ma la partita da ora in poi la fanno i biancorossi. La capolista continua a giocare da capolista perché la difesa non è mai ne' affannosa ne' affannata, semplicemente i petronici ripartono un po' meno.
C'è aria di svolta, Roberto Rossi con la febbre addosso giuda sotto la pioggia i suoi. Luce artificiale al Morgagni, tre punte e due registi. Il campo tiene ma rallenta la palla gira piano ,ma gira. E a metà ripresa cade il Bassano, colpito dalla palla intelligente di Cejas e addomesticata ma Tonelli per il bomber Melandri. Il Morgagni toglie i tappi, i veneti restano in partita nonostante stanchezza e inferiorità. Adesso gli spazi per il Forlì ci sono e Bergamaschi si fa murare io match point. Al minuto 94 con anche il recupero scaduto un Docente quasi perfetto e devastato dai crampi trova il 2-0 che è come un antibiotico per Rossi. La doccia non lava la rabbia di Petrone, durissimo nel dopo partita.

Roberto Chiesa


LE INTERVISTE