Logo San Marino RTV

Gubbio-AlbinoLeffe 0-0: solo una traversa per parte

19 feb 2017
Gubbio-AlbinoLeffe 0-0Gubbio-AlbinoLeffe 0-0: solo una traversa per parte
Gubbio-AlbinoLeffe 0-0: solo una traversa per parte - È il primo 0-0 stagionale per gli umbri, alla terza X nelle ultime tre gare.
Arriva nella sfida casalinga con l'AlbinoLeffe il primo 0-0 del campionato del Gubbio. Che comincia ad affezionarsi alle X, visto che su quattro pareggi totali tre sono arrivati nelle ultime sei. Nel complesso meglio gli ospiti,subito pericolosi con Gonzi che strappa il pallone a Casiraghi, ringrazia l'addormentata difesa di casa e va con un destro da fuori che si alza un po' troppo. L'assedio prosegue col lancione di Agnello per Mastroianni, la cui girata in porta meritava più convinzione, e di nuovo con Gonzi, che su involontario appoggio di Piccinni controlla di petto e da due passi scarica un bolide alto di un soffio.

Il Gubbio esce poco ma quando lo fa sfiora il gol: Loviso liscia il controllo sul passaggio di Nordi, Croce ringrazia e appoggia a Ferretti che entra in area e sfodera un destro dritto sulla traversa. L'AlbinoLeffe risponde con lo slalom di Giorgione che s'infila tra due avversari, salta Croce e chiama Volpe alla parata di piede. Sugli sviluppi Piccinni innesca il contropiede di Casiraghi che come domenica scorsa va di coast to coast, punta Gavazzi e mette in mezzo per Ferri Marini, che vanifica il tutto calciando a lato.

È ripresa ed è di nuovo Albino: Agnello per Gonzi, cross in area per la decisa incornata di Montella che pareggia il conto delle traverse. A sinistra il Gubbio soffre e allora lo stesso Agnello e Guerriera costruiscono una bella combinazione chiusa dal missile da lontanissimo di Giorgione, palla a lato. Sempre da quella parte cross spizzato da Mastroianni, Montella è in agguato ma al momento del tiro ecco il provvidenziale disturbo di Kalombo.

Col passare dei minuti i padroni di casa crescono e nel finale sfiorano la vittoria: Marini svirgola quella che sarebbe stata una bicicletta da urlo, poi sponda di Valagussa per Piccinni che a qualche centimetro da Nordi sviene, appoggiandogli il pallone tra le braccia.

RM