Logo San Marino RTV

Gubbio-FeralpiSalò 3-1

5 feb 2017
Gubbio-FeralpiSalò 3-1Gubbio-FeralpiSalò 3-1
Gubbio-FeralpiSalò 3-1 - La sfida tra Gubbio e FeralpiSalò mette di fronte le due ottave in classifica, e forse è, per entram...
La sfida tra Gubbio e FeralpiSalò mette di fronte le due ottave in classifica, e forse è, per entrambe, l'ultima occasione per restare nella scia delle prime. La spuntano gli umbri per 3-1, costringendo gli ospiti allo stop dopo due successi di fila.

Il primo squillo arriva al 12°: Casiraghi porta a spasso Davì, salta lo svogliatissimo Guerra e pesca l'inserimento sul palo lontano di Daniele Ferretti, che sfugge a Ranellucci e schiaccia in rete di testa. Guerra prova a farsi perdonare sull'imbucata dell'altro Ferretti, Andrea, Volpe gli sbarra la strada in uscita. E allora ecco il meraviglioso e corale raddoppio rossoblu: Daniele Ferretti, Casiraghi, Giacomarro e traversone lungo per il liberissimo Ferri Marini, che va di piattone e non sbaglia. È Gubbio-champagne: Casiraghi a destra per Daniele Ferretti, palla a Conti che va a colpo sicuro, trovando solamente il corner.

Altrettanto pregevole il tocco al volo di Andrea Ferretti per Guerra, che s'infila in area e va di pallonetto, superando Volpe ma non trovando lo specchio. L'attaccante lombardo sbaglia tutto anche a inizio ripresa, quando Bracaletti lo libera davanti alla porta e lui spreca malamente. Dall'altra parte Daniele Ferretti lancia in area Casiraghi che supera Livieri ma non il palo, il fango fa il resto stoppando il pallone sulla linea. La Feralpi ci riprova con la botta di Gerardi, Volpe blocca in due tempi.

L'estremo egubino però non può nulla sul tocco ravvicinato di Guerra, liberato da un colpo di testa di Davì su un corner da destra. La Feralpi preme per il pari e si scopre al contropiede del Gubbio che mette Valagussa davanti a Livieri, il sedici però si impappina e il portiere recupera. Davì ha la grande occasione per il pari ma trova solo una deviazione in corner, così al 90° arriva il 3-1: l'orribile rimessa di Ruffini finisce sui piedi di Ferri Marini, palla all'accorrente e solissimo Candellone, che nonostante il campaccio tutto fango controlla e la mette a fil di palo.

RM