Logo San Marino RTV

L'Arzignano non deborda e il Gubbio porta a casa l'1-1

A Maldonado risponde Cesaretti, nel finale i veneti prendono il palo con Flores Heatly e Valagussa.

di Riccardo Marchetti
8 set 2019

Dopo due turni a reti bianche l'Arzignano mette il coltello tra i denti e trova il primo gol in Serie C della sua storia. Per sua sfortuna però c'è anche il primo gol subito in Serie C della sua storia e al Gubbio basta e avanza per portare a casa l'1-1, che lascia entrambe senza vittorie. Un risultato bugiardo che non rende giustizia ai veneti, doppiamente fermati dal palo in un finale giocato all'assalto.

In un primo tempo avaro di occasioni il primo a provarci è Pattarello, il cui sinistro defilato mira all'incrocio ma è leggermente troppo alto. Poi, quasi allo scadere, Ravaglia s'incarta sulla punizione dalla distanza di Maldonado, che si guadagna così un posto d'onore nella storia gialloazzurra. All'intervallo Guidi toglie Munoz, Malaccari e Meli e inserisce Cinaglia – ko dopo un quarto d'ora – Cesaretti e Lakti e in avvio di ripresa il Gubbio sembra svegliarsi dal torpore. Tosi è attento e blocca il colpo di testa di De Silvestro, sul lancio morbido di Sbaffo invece Manconi va in disturbo su Pasqualoni e favorisce proprio Cesaretti, che con un guizzo premia la scelta del suo allenatore.

Da lì alla fine però gli umbri si vedranno solo all'86°, quando Bacchetti non riesce a risolvere un mischione avviato dalla sponda di Sbaffo. Il resto è tutto dell'Arzignano, a cominciare dalla verticale di Rocco sulla quale Pattarello riesce a eludere Ravaglia con un tocco al volo, salvo poi tirare sull'esterno-rete a porta sguarnita. Quindi doppia occasione per il subentrato Flores Heatly: prima gira appena a lato il corner di Casini prolungato da Tazza, poi viene liberato da un numero di Pattarello e calcia sul palo con un tocco d'esterno, con Rocco che si divora il raddoppio sparando altissimo sul rimbalzo. Rocco ci riprova a giro e ancora una volta non inquadra, mentre in avvio di recupero Ravaglia si riscatta con una paratona che tiene a galla i suoi. Ma non è finita, perché al 93° il tiro di Valagussa deviato da Filippini spiazza il portiere ospite, ancora una volta c'è il palo a negare all'Arzignano il suo primo successo tra i pro.