Logo San Marino RTV

Lazio: in 12mila a Formello per la festeggiare la Supercoppa

Ora testa alla sfida del 5 gennaio a Brescia, settore ospiti esaurito,. E con questo entusiasmo, nessun traguardo è vietato

31 dic 2020

Il popolo biancoceleste in delirio ha accolto la squadra di Simone Inzaghi avvolgendola d'amore e entusiasmo. La vittoria sulla Juventus in Supercoppa è solo la ciliegina sulla torta di un periodo straordinario per una Lazio capace di 8 vittorie consecutive in campionato, terzo posto solitario a 6 punti da Inter e Juventus ma con una partita in meno. Una squadra sempre più convinta dei propri mezzi costruita molto bene dal Direttore Sportivo Igli Tare capace di scovare talenti in quantità industriale. Il suo successo è un mix di bravura, applicazione, intuizione e una grande attitudine al rischio. E’ l’artefice di colpi visionari come quello di Luis Alberto, è stato il più lesto a prendere Milinkovic Savic, a riportare in Italia Correa, seppur pagandolo a peso d’oro (acquisto più caro dell’era Lotito), ha scovato Strakosha e Lulic e convinto il veterano Leiva. In passato con 400 mila euro ha soffiato Keita al Barcellona, ha portato il giovane De Vrij, il fenomeno Klose e i talenti Hernanes e Felipe Anderson. Tutto certificato dal Presidente Lotito capace di trasformare l'antipatia in simpatia. C'era una volta un Presidente come Cragnotti che spendeva soldi in campioni affermati mettendo in crisi la società, ci sono oggi due equilibristi che pensano prima al bilancio sempre in regola e preferiscono ricercare giovani talenti per poi rivederli come nel caso dell'interista De Vrij, o farli diventare perni inamovibili di questa Lazio come Sergey Milinkovic Savic. Non si può dimenticare il tecnico Simone Inzaghi. La Juventus ci aveva messo gli occhi, anzi questa estate sembrava proprio essere lui il dopo Allegri. Invece no, gli Agnelli hanno puntato su Sarri e forse ci avranno visto giusto, lo capiremo a maggio. A dicembre Inzaghi – Sarri 1-0, quasi 2 se si considera anche la lezione data ai campioni d'Italia in campionato. Ora testa alla sfida del 5 gennaio a Brescia, settore ospiti esaurito. E con questo entusiasmo, nessun traguardo è vietato.