Logo San Marino RTV

Mondiali Beach Soccer: Russia di misura, Bielorussia facile, Brasile e Portogallo a valanga

Senegal battuto 8-7, travolti Emirati Arabi, Nigeria e Oman.

di Riccardo Marchetti
23 nov 2019
Mondiali Beach Soccer: Russia di misura, Bielorussia facile, Brasile e Portogallo a valanga

Russia e Senegal danno spettacolo in una sfida dai continui ribaltoni. Ne esce un 8-7 per i rossi, subito in allungo con l'autorete di Thioune – propiziata da Zemskov – e col colpo di testa di Nikonorov. Un rinvio del portiere Ndiaye porta all'accorcio di Diassy, neutralizzato in fretta dalla girata di Zemskov. Il Senegal arriva al pari col destro calibrato di Fall e con la doppietta di Diassy, la cui incrociata s'insacca con la sponda del palo. È la traversa invece a dare una mano alla botta da lontano di Paporotnyi, alla quale gli africani rispondono col loro primo vantaggio: Raoul la impatta con una punizione che piega i guanti a Chuzhkov, da una cui respinta nasce il sorpasso di Diagne. Da qui in poi sarà tutto un mettere la freccia: Zemskov riporta sopra i russi con un bis di rovesciate, la prima d'istinto e la seconda in palleggio, mentre il Senegal s'appoggia ai piazzati con la punizione di Fall e il rigore di Diagne. Quindi erroraccio di Ndiaye punito dall'inzuccata di Paporotnyi, tempo 10” e Krasheninnikov serve a Nikonorov la stoccata della vittoria.

Il primato del Gruppo C però è della Bielorussia, vincente 5-1 sugli Emirati Arabi. Savich la sblocca risolvendo una mischia, quindi la cannonata nel sette del portiere Makarevich per il raddoppio. Il tocco sottoporta di Beshir rimette in gioco gli arabi, poi travolti da Samsonov – caparbio sulla respinta di Aljasmi – e dai colpi di testa di Bryshtsel.

Nel Gruppo D invece netti successi per Portogallo e Brasile. I lusitani incassano il gol in contropiede di Abu, poi però liquidano 10-1 la Nigeria. Il migliore è Torres, autore di una tripletta. Doppiette per Belchior – autore del pari – e per Coimbra, gli altri sono di Jordan – che invece sigla il sorpasso – Leo Martins e Madjer.

Il Brasile invece piega 8-2 l'Oman: in questo caso il mattatore da tris è Mauricinho, dietro di lui ci sono le doppiette di Bokinha e di Felipe. Di Catarino il sigillo finale, mentre per gli asiatici segnano Nooh e Sami. E stasera torna in campo l'Italia, che dopo il successo su Tahiti sfida l'altra capolista del Gruppo B, l'Uruguay: in caso di vittoria – e a meno di un successo del Messico sui tahitiani – gli azzurri sarebbero certi dei quarti.