Logo San Marino RTV

Mondiali donne, l'Australia rimonta il Brasile. Cina ok sul Sudafrica

Le Aussie passano da 0-2 a 3-2 e raggiungono sia le verdeoro che l'Italia. Il successo delle cinesi assicura il passaggio del turno alla Germania.

di Riccardo Marchetti
14 giu 2019
Mondiali donne, l'Australia rimonta il Brasile. Cina ok sul Sudafrica

Carte sempre più sparigliate nel girone dell'Italia, dove l'Australia sembra sprofondare anche col Brasile e invece rimonta e s'impone 3-2. Seleçao raggiunta dalle oceaniche e che in vista della sfida con le azzurre perde la regista Formiga, diffidata e ammonita al 14°. Il match si apre sul cross di Tamires, sul quale la leggera e ingenua trattenuta di Kellond-Knight su Leticia Santos costa un generoso rigore. Batte Marta, Williams si tuffa sul lato sbagliato e il Brasile passa. Passa e raddoppia con Cristiane, che sul traversone di Debinha sovrasta Catley e inzucca in angolo basso. Ed è sempre dalla fascia che, nel recupero del primo tempo, l'Australia inizia a imbastire il ribaltone: Yallop mette in mezzo, Logarzo spizza in anticipo su Formiga e taglia fuori Monica, permettendo a Foord di spaccare in rete. Il resto su due lanci in verticale: quello di Logarzo diventa il pareggio grazie al liscio di Kerr, buono per beffare Barbara e regalare il gol alla compagna. Su quello di Van Egmond invece è il fuoco amico di Monica a far capitolare il portiere verdeoro: incocciata all'indietro, autorete e Aussie di nuovo in corsa.

Al pari della Cina, che battendo 1-0 il Sudafrica agguanta la Spagna e promuove la Germania, a punteggio pieno e certa, visto l'incrocio Cina-Spagna dell'ultimo turno, di essere tra le prime due. La decide Li Ying, perfetta nello scappare a Mbane sull'assist di Zhang: tocco di stinco e Swart non può nulla. Per la Cina c'è pure la traversa di Wang Shanshan, colpita di testa su azione d'angolo: la palla sbatte sulla barra e rimbalza sulla linea, come dimostra l'intervento della goal line technology. A evitare la goleada è il portiere sudafricano Swart: sul pari con un'uscita di pugno in anticipo sulla solita Wang Shanshan, in seguito invece eccola respingere la testata di Han e il sinistro da posizione ravvicinata di Yang, che vista la libertà avrebbe potuto decisamente fare di meglio.