Logo San Marino RTV

Mondiali U20: fuori Francia e Argentina, per l'Italia c'è il Mali

Campioni d'Africa avanti ai rigori sull'Albiceleste. Passano anche Stati Uniti e Corea del Sud.

di Riccardo Marchetti
5 giu 2019
Mondiali U20: fuori Francia e Argentina, per l'Italia c'è il Mali

Ai quarti l'Italia misurerà la sua capacità di non farsi rimontare contro la regina delle rimonte di questo Mondiale. Ossia il Mali, due volte capace di riacciuffare l'Argentina – la seconda al 121' – e infine vincente ai rigori. Spiccano Sekou Koita, Diakite e soprattutto Diaby, in gol e sfortunato protagonista anche delle reti albicelesti. Sul cross di Vera, Kanoute è approssimativo nell'inzuccata e lo colpisce sul tacco, Gaich è ben appostato e l'Argentina è avanti. Non che il Mali si abbatta, anzi: Diakite sfonda a sinistra e va a segnare dopo il triangolo d'esterno di Sekou Koita, con un leggero fuorigioco a invalidarne la meraviglia. Così il pari tocca a Diaby, che sul corner di Drame sovrasta Perez e incorna per i supplementari. Che sono cominciati da neanche 30” quando il povero Diaby incappa pure nell'autogol: involontaria ma decisiva la sua deviazione sul tiraccio di Barco, servito in area dall'asse Ursi-Ortega. Il Mali sembra sciogliersi ma nel 1° di recupero Sekou Koita batte una punizione veloce per Konte, che scappa al distratto Ursi e incrocia per i rigori. Qui è Youssuf Koita a farsi eroe con la parata su Chancalay, gli africani invece sono impeccabili e si prendono i quarti, assicurati da Sissoko.

Fuori l'Argentina e pure la Francia, stesa 3-2 dagli Stati Uniti. Incassato il gol di Soto – imbeccato da Ledezma dopo una lunga avanzata – i Blues reagiscono di cattiveria: Gouiri fa la sponda per il palo di Cuisance e poi si mette in proprio e impatta partendo sul fuorigioco. L'assist è di Diaby, che nella ripresa s'avvia a destra, brucia Keita e arriva fino in fondo: palo e tap in di Alioui, al quale Dest non riesce a contestare il pallone. La contro-rimonta la avvia Weah, sul cui tocco Soto è libero e fa doppietta. Nulla può l'estremo della Fiorentina Lafont, che invece va di papera sul destro da fuori di Dest e offre a Rennicks il gol qualificazione.

Per gli States c'è l'Ecuador, mentre l'avversario del Senegal sarà la Corea del Sud, vincente 1-0 nel derby d'Oriente col Giappone. Il campanile no look di Mitsuki Saito porta alla rete di Goke, nel mezzo però c'era il tiro in fuorigioco di Miyashiro e il VAR annulla. Giappone ancora sfortunato con le conclusioni di Nakamura e Miyashiro, rimpallate da Kim Hyunwoo e dal palo, e punito dall'errore di Sugawara: palla regalata a Choi Jun, cross, colpo di tempia in angolo basso di Oh Sehun e Corea ai quarti.