Logo San Marino RTV

Nell'Europeo delle " Matrioske" vince il Portogallo

11 lug 2016
Portogallo fa festaNell'Europeo delle " Matrioske" vince il Portogallo
Nell'Europeo delle " Matrioske" vince il Portogallo - Il Portogallo batte la Francia ai tempi supllementari con un goal di Eder e si laurea per la prima v...
Nell'Europeo delle sorprese e delle "matrioske" che si mangiano a vicenda, vince il Portogallo. L'Italia mangia la Spagna, la Germania mangia l'Italia, la Francia mangia la Germania e il Portogallo mangia la Francia a domicilio. Questo il verdetto di un'Europeo che va in archivio con tantissime storie, ultima solo in ordine di tempo la grande impresa del Portogallo. Fuori dai pronostici della vigilia i lusitani si sono ripresi il mal tolto. Quella finale beffa di 12 anni fa in casa con la Grecia gridava vendetta, ed ecco allora il Portogallo Campione per la prima volta, nella notte in cui il suo profeta Cristiano Ronaldo, abdica dopo nemmeno 6 minuti. Primo ad arrivare, ultimo ad andare via. Maniaco, puntiglioso, capriccioso, ma anche generoso e umano. Li ha trascinati durante le qualificazioni, li ha scortati fino alla finalissima, poi è uscito lasciando capire a tutti che il Portogallo e' anche una squadra e ognuno di loro adesso ha un valore in più. Il Fenomeno resta Ronaldo Luis Nazario De Lima, ma CR7 è forse l'uomo più decisivo per le squadre in cui ha giocato degli ultimi 20 anni. Solo Diego Maradona ha fatto qualcosa in più perché da solo, ha vinto un mondiale. La Francia le occasioni le ha avute, e se quel pallone di Gignac fosse stato un centimentro più in là, parleremo di tutta un'altra storia, ed invece la folgore di Eder premia un popolo che ha dato i natali a tanti grandi campioni che per un motivo o per un altro, in nazionale non erano stati in grado di chiudere il cerchio: Eusebio, Pauleta, Paulo Sousa, Luis Figo, Rui Costa, Nuno Gomes, Postiga, Simao Sabrosa, Nenè, Joao Vieira Pinto giusto per fare qualche nome, ma non dimentichiamo anche i grandi tecnici portoghesi, uno su tutti Josè Mourinho. Il cerchio lo chiude il recordman, Cristiano Ronaldo che a questo punto con Champions e Europeo vinto in poco più di un mese si avvicina sensibilmente al quarto pallone d'oro che andrà a coronare ulteriormente una carriera maestosa di un vero campiione. Grande delusione Francia e nuovo giro di confronto sul reale carisma internazionale di Paul Pogba

L.G