Logo San Marino RTV

Spagna e Portogallo soffrono, ma sono agli ottavi

25 giu 2018
Spagna e Portogallo soffrono, ma sono agli ottavi
La penisola iberica soffre più del previsto, ma passa in blocco agli ottavi. Spagna e Portogallo fanno una fatica immensa e con Marocco e Iran arrivano due pareggi, rispettivamente per 2-2 e 1-1. Ed è grazie al gol in più segnato - e preso - che le Furie Rosse si prendono il primo posto, visto che i punti e la differenza reti tra le due squadre sono gli stessi. Spagna che quindi finisce nel "lato facile" del tabellone, dove la aspetta la Russia, mentre il Portogallo se la vedrà con l'Uruguay.

Il match più scoppiettante è sicuramente l'1-1 tra Portogallo e Iran, nel quale i lusitani rischiano una clamorosa eliminazione nonostante un'ora abbondante di dominio assoluto. Quaresma li porta in vantaggio allo scadere del primo tempo col suo colpo classico, la trivela, sfoggiata dal limite dopo uno scambio - con tanto di colpo di tacco - con Adrien Silva. Il secondo tempo regala mille emozioni e altrettanti replay, visto che la VAR entra in scena tre volte. Prima per un fallo di Ezatolahi su Ronaldo, che va sul dischetto per chiuderla e invece sbatte sulla parata di Beiranvad. Ronaldo che poi finisce sotto esame per una sbracciata a Pouraliganji, reo di ostruzione nei suoi confronti. L'arbitro, il pessimo Caceres, guarda e riguarda il suo gomito alzarsi nel monitor e infine opta per un semplice, e forse riduttivo, giallo. Quindi, al 93°, un altro giro di VAR mette in evidenza un tocco di mano di Cedric: è ancora rigore e Ansarifard la mette nel sette per il pari. A questo punto se l'Iran segna elimina i portoghesi, e ci va vicinissimo: Mehdi Taremi viene liberato sul lato sinistro dell'area a due passi dalla porta, la sua conclusione però finisce sull'esterno della rete e decreta l'eliminazione dei suoi.

Meno drammatico il cammino della Spagna, due volte sotto ma, grazie al costante vantaggio dei lusitani, mai realmente a rischio, visto che al pari dell'Iran aveva già sistemato le cose. Africani clamorosamente quando un'incomprensione tra Ramos e Iniesta permette a Boutaib di arrivare davanti a De Gea e batterlo. Iniesta che si riscatta subito: scambio con Diego Costa, ingresso in area e appoggio per Isco, che pareggia. Prima del riposo Boutaib si ripresenta davanti a De Gea, che stavolta lo stoppa e mette a referto la prima parata del suo mondiale. Nella ripresa la Spagna spinge di più, ma le occasioni migliori sono marocchine: Amrabat prende subito la traversa con un bolide da destra, mentre all'81° En-Nesyri svetta sul corner di Fajr e la Spagna è di nuovo sotto. Per 10 minuti, poi Iago Aspas - entrato per Diego Costa - riceve l'assist di Carvajal e insacca di tacco, regalando un po' di tranquillità a Hierro.