Logo San Marino RTV

Novara e Reggiana in semifinale: ko Carpi e Potenza

I piemontesi passano 2-1 al Cabassi, alla Regia basta lo 0-0 interno.

14 lug 2020

Algoritmi e medie punti soccombono alle leggi del campo, che delle formule varie se ne fregano. Così il Carpi, che quando si pensava di chiudere la stagione era stato promosso d'ufficio in B, non arriva neanche alla Final Four. Al suo posto il Novara, 7° nel Gruppo A, che dopo il Renate fa fuori a domicilio un'altra terza della classe, sempre con un 2-1. Per il secondo round di fila i piemontesi potevano solo vincere e hanno vinto, così, dopo essere entrati in corsa già al primo turno, si vanno a giocare la promozione da inattesa mina vagante. Il vantaggio del Novara è rocambolesco: punizione di Buzzegoli, Pinzauti va di testa, Bianchi si abbassa e il pallone centra Sabotic, Nobile è spiazzato e il Novara passa. Vano scappa a Bove sul lancio di Pezzi ma poi si mangia il pari calciando addosso a Lanni, così come Pinzauti manca due volte un facile raddoppio: prima inzucca fuori il cross di Piscitella, poi, dopo una bella azione personale, centra il palo e scialacqua il rimbalzo colpendo Nobile da due passi. Chi non è altrettanto indulgente è Sbraga, che sul traversone di Buzzegoli sportella via Saric e incorna lo 0-2, un cazzotto al quale il Carpi reagisce solo nell'ultimo quarto d'ora. E alle porte del recupero arriva l'accorcio di Vano, perfetto nel sovrastare Cassandro sul cross di Pezzi: palla all'incrocio e 4' di ansia per il Novara, che però regge ed è in semifinale.

Dove l'aspetta la Reggiana, che ha il fattore campo dalla sua e col Potenza si fa bastare lo 0-0. Decisivo il portiere Venturi: al 23° è freddo nell'opporsi a Coccia, liberato da Ricci sugli sviluppi del gran contropiede di Golfo. L'occasionissima Regia arriva con l'asse Kargbo-Favalli per Scappini, Sales ci mette il piede ed evita un gol già fatto. Quindi il momento chiave della serata: Golfo in area per França che crolla sul contrasto con Spanò e si guadagna un giro sul dischetto; Venturi però fa meglio di lui, intuisce e salva la baracca. Col contributo della spazzata di Lunetta, che poi scende sul fondo e offre il pallone del ko a Zamparo, sciagurato nel mandare a lato. Il finale è dei portieri: Ioime s'oppone a Kargbo e regala un'ultima chance a Ricci, solo che il Cech della bassa – alias Venturi – è ancora impeccabile e passa la Regia.