Logo San Marino RTV

L'ombra lunga su Ranocchia

10 ott 2012
L'ombra lunga su Ranocchia
Le dichiarazioni del Capo della Polizia Manganelli sembrano aver trovato un seguito. Spuntano novità sulla partita Salernitana – Bari del 23 maggio 2009 terminata col punteggio di 3-2, con l’intera squadra pugliese poi indagata per frode sportiva: oltre 20 ex giocatori del Bari hanno ricevuto avviso di garanzia. Molti hanno preferito non parlare, ma il muro di omertà è crollato con 4-5 verbali collaborativi, confessioni vere e proprie che tirano in causa i vari Gillet, Barreto, Belmonte e lo stesso difensore della Nazionale Andrea Ranocchia.
La partita con la Salernitana venduta per 160mila euro e conseguente spartizione nel gruppo, non solo tra i calciatori, con quote da 5-6mila euro divise in buste e consegnate poi negli spogliatoi. Masiello parla anche di una riunione plenaria con tutti messi al corrente dell’offerta. O tutti o nessuno.
Poi c’è il caso Ranocchia. Lui i soldi non li vuole, ha 21 anni e una carriera più che promettente davanti. Ma allora cosa avrebbe fatto? Forse regalati ad Angelo Iacovelli, il factotum della società biancorossa che intercettato dice: “Ranocchia è un bravo ragazzo, mi ha anche dato denaro quando ne avevo bisogno”.
Non è tutto: spunta ancora il nome di Antonio Conte quale persona informata dei fatti, nonostante i giocatori lo abbiano scagionato, tutti eccetto uno che avrebbe fatto riferimento a qualche comportamento particolare del tecnico della Juventus. In ballo, tanto per cambiare, un'altra omessa denuncia.