Logo San Marino RTV

Pordenone-Ancona 0-0: i friulani sbattono su un super Scuffia

30 ott 2016
Pordenone-Ancona 0-0: i friulani sbattono su un super ScuffiaPordenone-Ancona 0-0: i friulani sbattono su un super Scuffia
Pordenone-Ancona 0-0: i friulani sbattono su un super Scuffia - Il portiere riscatta la partitaccia col Gubbio rispondendo colpo su colpo ai tentativi dei padroni d...
Al Pordenone non basta una ripresa arrembante per superare l'Ancona, sorretta da uno Scuffia nemmeno parente di quello che col Gubbio ne aveva fatte di cotte di crude. Finisce 0-0, gli ospiti muovono una classifica ancora pericolante e i friulani – due punti nelle ultime quattro – scivolano al 9° posto, anche se la vetta resta a +4. Poco o niente fino al 44°, quando Bariti riceve in area, salta De Agostini con un po' di fortuna e va dentro per Momentè, che si gira bene su Stefani ma sbatte su Tomei.

Nell'intervallo Tedino toglie Martignago e inserisce il capocannoniere Arma, subito sul pezzo col destro da fuori impennato dalla deviazione di Ricci: Scuffia si salva con l'aiuto della traversa. Ancora Arma fa la sponda per il destro al volo di Pietribiasi che rimbalza davanti a Scuffia ma non lo sorprende; Cattaneo rimette al centro e il portiere sfodera un colpo di reni da lode sull'incornata di Arma, che comunque aveva fatto fallo su Ricci. Lo Scuffia-show prosegue con la presa sicura sull'insidioso cross sbagliato di Suciu divenuto tiro in porta. Ma soprattutto con la prodigiosa respinta di piede su Pietribiasi, smarcato in area da un angolo di Cattaneo prolungato da Misuraca; Ingegneri è poi poco cattivo nel colpire di testa.

Nel Pordenone dentro pure Berrettoni che subito l'appoggia per il sinistro di Cattaneo, Scuffia c'è anche stavolta. Dall'altra parte evidente trattenuta in area di Pellegrini su Gelonese, che però esagera col tuffo e non protesta neanche per il mancato, ma comunque netto, rigore. Poi è di nuovo monologo neroverde: Stefani ci prova dalla distanza ma non sorprende Scuffia. Che sfodera l'unica incertezza del suo partitone non uscendo su un traversone di Berrettoni, ma Arma e soprattutto Misuraca non sfruttano l'occasione. A decretare la fine dei giochi è il destro dal limite di Berrettoni bloccato da Scuffia.

RM