Logo San Marino RTV

Reggiana-Teramo: Mogos per la vetta

27 nov 2016
Reggiana-Teramo: Mogos per la vettaReggiana-Teramo: Mogos per la vetta
Reggiana-Teramo: Mogos per la vetta - Secondo gol consecutivo del terzino rumeno, che porta i granata in cima alla classifica almeno fino...
Tiene il passo del Pordenone, la Reggiana di Colucci, che scende in campo per affrontare un Teramo in ripresa e consapevole del 2-1 dei Ramarri ai danni del Fano.

Il primo affondo è teramano: da Petrella a Di Paolantonio, la palla esce sul fondo. Centra la porta Petrella, che al 17' impegna severamente Perilli, costretto al recupero in extremis.

Prova a destarsi la Reggiana: Manconi impreciso da piazzato, troppo debole e masticato invece il mancino di Angiulli.

Ben più pericoloso al 33' Manconi: la punizione buca la barriera, ma Calore si fa trovare pronto alla respinta in corner.

Ora l'inerzia è tutta granata: Nolè mette le ali a Mogos con un tocco sopraffino, il terzino rumeno fa tutto bene superando uno statico Manganelli per poi superare di precisione Calore. È il secondo gol consecutivo per il terzino rumeno, svincolatosi in estate proprio dal Teramo. Il classico centro dell'ex col dente avvelenato e come contro l'AlbinoLeffe, sarà un gol da tre punti. Prima degli spogliatoi c'è un destro di Manconi, ben parato da Calore, e la bastonata di Sansovini da 20 metri disinnescata in due tempi da Perilli.

Ci prova Manconi al 66': ingaggio e dribbling sul lato corto, destro a giro impreciso per concludere. Personalità da vendere per il baby fenomeno della Reggiana, che al 69' avvia una pericolosa azione in cui ci mette del suo anche Manganelli. Nolè trova Guidone, Guidone non trova la porta: a secco da 11 turni l'attaccante prelevato da Santarcangelo, autore di appena due reti in 15 presenze.

Fronte Teramo sono sempre Sansovini e Petrella i più pericolosi: il primo ci prova con una complicata girata al volo dal limite, l'altro calcia forte dal limite, impegnando Perilli.

L'estremo granata è superbo poi nel negare il gol del pareggio ad Ilari, perfetto nel girare in porta il cross di Alessandro Di Paolantonio.

Lavoro extra anche nel finale per Perilli, che allunga in angolo il diagonale di D'Orazio, destinato all'angolino. Reggiana in vetta, a braccetto col Pordenone, in attesa di conoscere l'esito del derby veneto tra Venezia e Padova.

LP