Logo San Marino RTV

San Marino epicentro dell'arbitraggio europeo: oltre 200 direttori di gara per l'ottavo RAP

5 mar 2016
Hugh DallasSan Marino epicentro dell'arbitraggio europeo: oltre 200 direttori di gara per l'ottavo RAP
San Marino epicentro dell'arbitraggio europeo: oltre 200 direttori di gara per l'ottavo RAP - L'ottava edizione del Refereeing Assistance Programme UEFA-FIFA si è tenuto a San Marino e ha coinvo...
Mestiere complesso quello dell'arbitro, sempre sotto la lente d'ingrandimento spesso filtrata dalla poco oggettività figlia del tifo. Oltre a prendersi la responsabilità delle coronarie di tanti supporters sparsi per il mondo - quasi non bastasse - i fischietti di tutta Europa sono chiamati anche a costanti aggiornamenti in merito agli spesso mutevoli e talvolta sibillini enunciati dei Regolamenti internazionali. Se il fuorigioco è il terrore di ogni fidanzata che si rispetti, negli ultimi anni sta divenendo anche l'ossessione della classe arbitrale, chiamata ad esercizi di elasticità mentale non da poco nell'interpretare questo o quell'impulso, ogni tanto divergenti, che arrivano dalla FIFA o dall'UEFA. Chissà che l'elezione a presidente della FIFA di un uomo UEFA come Gianni Infantino non aiuti quanto meno ad uniformare gli input in questo senso.
Tra i relatori del Refereeing Assistance Programme, l'ex internazionale scozzese Hugh Dallas, che tra le altre ha anche arbitrato un Italia-Turchia 2-1 degli Europei del 2000, quello con gol di Antonio Conte in rovesciata e Inzaghi su rigore (clicca qui per il tabellino della partita) per intenderci. In quella partita ci fu un salvataggio sulla linea e un contatto sospetto che ha portato al penalty decisivo: soluzioni che oggi con Goal-line technology e assistente di porta avrebbero avuto quasi la certezza decisionale. Forse è anche per questo - scherziamo, naturalmente - che Dallas apprezza e supporta così tanto lo strumento tecnologico a supporto dell'arbitro: "Abbiamo assistito all'entrata delle tecnologia nel calcio e credo sia un strumento che possa semplificare in alcuni aspetti l'arbitraggio; sono favorevole alla Goal-line technology, l'ho sempre sostenuta: verrà utilizzata agli Europei e nei maggiori campionati nazionali di tutta Europa, per questo condivido pienamente la scelta dell'UEFA di estenderne l'utilizzo alla prossima Champions League, nonché alle finali di Champions ed Europa League di quest'anno. Il calcio è in continua evoluzione: in Galles e nel Regno Unito si terrà un meeting dell'International Football Association Board in merito ad ulteriori sviluppi della sinergia tra calcio e tecnologia, come l'utilizzo del video. Sarà interessante vedere dove potremmo ritrovarci tra qualche anno".
Non solo lo strumento tecnologico a supporto del direttore di gara, ma anche quello degli assistenti e dei giudici di porta: "L'evoluzione del calcio - sempre più veloce - ha reso necessaria una più stretta collaborazione tra arbitro e assistenti, in quanto ci sono molto più situazioni da controllare in campo. Il ruolo degli addizionali di porta è quello di supportare il direttore di gara monitorando quello che accade in area di rigore e nelle immediate vicinanze, mentre gli assistenti non possono essere più definitivi semplici guardalinee in quanto hanno tante altre responsabilità e capacità decisionali nell'evoluzione di un incontro. Tanto per gli arbitri quanto per gli assistenti poi la regola del fuorigioco è mutata tanto e spesso negli ultimi anni, quindi attenzione e collaborazione non sono solo utili, ma indispensabili".
Sviluppo del calcio, sviluppo dei requisiti - non solo tecnici - che un arbitro deve garantire sul terreno di gioco: "Abbiamo avuto anche preparatori atletici qui a San Marino e li abbiamo invitati per il 7° anno consecutivo, in quanto il calcio è in continua evoluzione, diventando sempre più rapido anno dopo anno; questo comporta una condizione fisica e atletica dell'arbitro come mai in passato: deve essere un atleta vero e proprio, essere parte del gioco ed è compito della UEFA assicurare la miglior preparazione possibile del direttore di gara".
Sull'importanza della formazione continua - non ci si poteva obiettivamente aspettare altro da un panelist - non si discute: "Questi programmi congiunti UEFA-FIFA sono estremamente importanti; siamo all'ottavo anno del RAP, che assicura i migliori istruttori dotati del materiale messo a disposizione da UEFA e FIFA, come recuperato dalle Federazioni nazionali. Questo ci permette di focalizzarci sulle regole del gioco in tutta Europa".

Nel video l'intervista a Hugh Dallas, Ufficiale degli arbitri UEFA.

LP